Diciamo la verita’, la scelta di Apple di distribuire Safari in bundle con iTunes e’ una scelta molto discutibile. Per non dire peggio.

13 commenti a “ALLEGASI REGALO”

  1. MG55 dice:

    Direi che è quello che Jobs voleva fare fin da quando presentò Safari per Windows. Visto che il suo obiettivo dichiarato è eliminare i browser concorrenti ad IE, quindi Firefox in primis, e che Firefox ha così tanti download, come fare per rimpiazzarlo? Usare l'ampia base utenti di iTunes, ovviamente! Date un'occhiata alla presentazione che fece Jobs al WWDC 2007: http://events.apple.com.edgesuite.net/d7625zs/event/

  2. vic dice:

    Ad essere precisi non è un bundle con iTunes (in bundle con iTunes ti danno QuickTime, piuttosto) è semplicemente Apple Software Update che ti offre l'opzione di scaricarlo (nel senso che ti elenca anche Safari tra gli update disponibili).

    Avendo io installato Safari anche su Windows da tempo, l'opzione mi compariva comunque ad ogni update del browser.

    La novità  è che ora viene proposto Safari anche a chi non lo aveva installato prima. Ma la cosa riguarda Apple Software Update, non iTunes.

    Se poi vogliamo considerare che la stragrande maggioranza degli utenti Windows ha installato Apple Software Update insieme ad iTunes allora ok, ragioniamo su questo.

  3. MG55 dice:

    Segnalo anche la reazione di John Lilly, chief operating officier di Mozilla, all'epoca di quella presentazione: http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2022796

  4. Mammifero Bipede dice:

    Io non uso Safari nemmeno sul Mac…

    Comunque a volte fa comodo disporre di un secondo Browser, per quello va benissimo. :-)

  5. Alessandro Longo dice:

    Non ci vedo nulla di male. Puoi spuntare, in modo molto trasparente, l'opzione dalla finestra di download. A questo punto, criticabili tutti quei (tanti) software che mettono la toolbar di Google nel download

  6. George Frusciante dice:

    Da me Safari è stato scaricato in automatico e poi mi è stato chiesto se installarlo o no. Mi associo al parere di Mantellini.

  7. Massimo Moruzzi dice:

    c.v.d.

    A Cupertino sono uguali a Redmond.

  8. Noantri dice:

    Bundle.

    [Ste]

  9. Alessandro Longo dice:

    Va beh, ma se lo scarichi ma non lo installi che male fa?

    Non capisco questo talebanismo

  10. vic dice:

    Secondo me, come sempre il diavolo sta nei default: a rigor di logica, la maniera corretta sarebbe di proporre la checkbox selezionata solo a chi ha già  Safari (e quindi si suppone sia interessato a un update); chi invece NON l'ha ancora installato, dovrebbe trovare la checkbox NON selezionata.

    Opt-in, insomma.

    Ma da qui a dire che con iTunes ti ritrovi Safari installato ce ne corre, dai.

  11. Massimo Moruzzi dice:

    passate a ubuntu!

    http://dockera.com/pics/erotic/ubuntu.jpg

  12. alessandro dice:

    purtroppo apple piu passa il tempo piu assomiglia a microsoft…

  13. Gianluigi dice:

    Ma puo' esistere un motivo più idiota di questo per andare contro alla Apple?

    Magari qualcuno è disposto a protestare del fatto che QuickTime ad ogni avvio della macchina lancia un suo processo solo per controllare quali file sono associati con lui? Oppure che nelle ultime versioni di Itunes venga lanciato sempre un servizio Apple Mobile Device che si ciuccia 8 mega di memoria e che dovrebbe servire per gli scambi con l'IPhone, e che si avvia sempre? Oppure il servizio Bonjour che serve a condividere la libreria musicale, e che si avvia anche se disattivi la condivisione? Oppure il servizio Ipod che si avvia anche senza l'ipod collegato? Tutte operazioni che consumano risorse e di cui l'utente medio è ignaro.

    Rispota: no!

    Perché le uniche proteste sono contro una domandina semplice semplice, a cui anche un'ameba saprebbe rispondere.