Beppe Grillo ha deciso di supportare con il suo nome (“certificazione di trasparenza” la chiama) future liste civiche che rispondano ad alcuni requisiti che comunichera’ nei prossimi giorni.

update: il bollino e’ di capemaster.

69 commenti a “C’E’ UN DOTTORE IN SALA?”

  1. lapitta dice:

    nello stato libero di bananas, non era l'uomo del monte quello che diceva "sì"? :-)

  2. Sal dice:

    Se fosse il Grillo di una volta, ci avrebbe fatto il monologo sul bollino di qualità …

    [da leggersi alla Grillo]: Un bollinoooo, no dico si inventano un bollino, belìn, per certificare delle liste!!

  3. massimo moruzzi dice:

    bélin, qui in effetti si inizia a ridere :)))

  4. capemaster dice:

    che fai copi?

    tanto il mio bollino è più bello :P

    a parte gli scherzi, abbiam pensato la stessa cosa.

  5. massimo mantellini dice:

    il tuo bollino e' molto meglio pero'……;)

  6. T A R O dice:

    Prima i manifesti con le facce dei cattivi,

    poi le liste dei buoni.

    Insomma, finisce qui, al più col PD.

    Salut!

  7. emanuele dice:

    Sempre più triste, o sbaglio?

  8. gianfalco dice:

    E già …

    e poi i candidati col dischetto al bavero "grillo compatible", i sindaci con la fascia tricolore "grillo tested", i deputati "grillo rated", in un paese "grillo addicted".

    Roba da premere il grilletto…

  9. capemaster dice:

    ah ma ce l'hai messo?

    quale onore!

  10. Lunar dice:

    Calderoli dopo il VaffaDay di Grillo ha lanciato il suo MaialinoDay.

    non oso pensare a cosa si inventerà , ora.

  11. Gilberto Romboli dice:

    Ci sono argomenti che Grillo porta in primo piano e che ormai (grazie alla informazione di regime) pochi o nessuno sono in grado di affrontare.

    I problemi veri sono legati al fatto che nel nostro paese viviamo nella falsa convinzione che l’interesse individuale corrisponda con quello sociale e che esso si realizzi spontaneamente ed in via automatica.

    Nel nostro paese c’è una acerrima lotta di retroguardia (simpaticamente mascherata con la simpatia del sorriso) contro qualsiasi minima riforma.

    Persone con cospicui interessi si ergono a falsi ed interessati paladini della libertà  di mercato.

    La tragedia è che viviamo in un Paese in cui le grandi problematiche degli anni sessanta: lo sfruttamento degli emarginati, la disoccupazione di massa, il nodo energetico, il Mezzogiorno, il programma per la casa, la lotta alla evasione fiscale, le morti sul lavoro, il regime informativo, sono esattamente le stesse di oggi.

    Ciò che emerge dalla lettura di Mantellini sono analisi veramente povere e superficiali.

    Il “giornalista” analizza aspetti formali quali la modalità  di aggregazione si lamenta del “massimalismo con platea plaudente” deride le iniziative di un Grillo che si batte contro il malcostume e l’inefficienza della casta politica, le morti sul lavoro, lo sfruttamento della disoccupazione, eccÂ…. che in sessantanni di Republica sono ancora in attesa di soluzione.

    Ma Mantellini è contento di vivere in un paese in cui c'è più di un morto sul lavoro al giorno e dove il 50% dei contratti di lavoro dei giovani sono a termine?

    Termino con le parole di Pasolini:

    Il primo dovere degli intellettuali, oggi, sarebbe quello di insegnare alla gente a non ascoltare le mostruosità  linguistiche dei potenti democristiani, a urlare, a ogni loro parola, di ribrezzo e di condanna. In altre parole, il dovere degli intellettuali sarebbe quello di rintuzzare tute le menzogne che attraverso la stampa e sopratutto la televisione inondano e soffocano quel corpo del resto inerte che è l’Italia.?PP. Pasolini Lettere Luterane 1975

    Di fronte alla palese assenza degli intellettuali l’appello pasoliniano è stato colto dai comici.

    E non c’è niente da ridere!

  12. massimo mantellini dice:

    Romboli sant'uomo,

    in quanto post diversi vuoi copia-incollare lo stesso commento?

  13. morbin dice:

    l'iniziativa ha un taglio surreale in un paese di giornalisti e blogger che, comici esclusi, non e' capace di organizzare un database pubblico (dico uno) sulla " moralita' " degli uomini politici (p.e. record legale, voto rispetto a questioni sensibili sulla lotta alla criminalita', ecc.).

    perfortuna che ho comprato la casa in slovenia e col cognome che ho magari mi confondono.

  14. Sal dice:

    Romboli, il problema è un altro. Grillo non ci ha messo la faccia, non ha voluto coinvolgersi del tutto…si è accontentato del BOLLINO, belìn, suona tanto democristiano quest'atteggiamento.

    "Scegli, Beppe! Magari nascesse ufficialmente il tuo partito! I tuoi spettacoli diventerebbero a tutti gli effetti dei comizi politici e nessuno dei tuoi fan dovrebbe più pagare il biglietto d'ingresso. Oooops!" Luttazzi

  15. Fabio Metitieri dice:

    E, Morbin, gia', e come lo spieghi?

    Pazienza per i bloggher, che sono troppo impegnati a teorizzare sui blogh e ad autopromuoversi, ma tutti gli altri?

    Tra 100, forse 300 mila blog attivi in Italia, e OK, diciamo forse solo 10 mila (o 50 mila, non ne ho idea) tolti i ragazzini liceali e i blog del tutto sconosciuti, ma con tantissimi dove la politica e' uno degli argomenti prevalenti, come mai nessuno ha mai "fatto rete" per mettere in piedi iniziative del genere?

    Tu, come la vedi?

    Ciao, Fabio.

  16. SdL dice:

    a me sembra una cagata

  17. Fabio dice:

    Protesta, e si dice che non propone alternative.

    Propone alternative, e si dice che faceva meglio solo a protestare.

    Signori, ma che miseria… fate un reality check!

    Che poi, è da ANNI che in OGNI SUO SPETTACOLO va dicendo che la soluzione ai problemi di questo paese sono i cittadini, che dovrebbero costituirsi in liste civiche.

    In che altro modo pensate di risolverli, i problemi, voi?

    Ho la vaga impressione che mentre qui si sta ancora a disquisire di web 2.0 e se il V-Day sia nato su internet oppure no, e se Grillo sia veramente un blogger oppure no, lì fuori – anzi, QUI fuori – si sta costruendo la democrazia 2.0!

  18. Franco dice:

    Caro amico ti scrivo così mi distraggo un po', da quando sei partito c'è una grossa novità …

    Grillo l'antipolitico un partito politico fonderà ,

    io mi sto preparando è questa la novità .

  19. alex dice:

    io nn capisco tutto questo tiro al bersaglio su grillo… e' l'unico che sta facendo qualcosa di diverso che piegarsi a 90 ai potenti e voi dopo un timido applauso iniziale iniziate a fare i bloggers simpatici che cercano la battutina ad effetto per una qualunque cavolata…..

    siete tristi

  20. antonio giudilli dice:

    Ma non avevi detto che poi non ne parlavi più?

  21. morbin dice:

    @fabio metitieri:

    non ho mai messo in dubbio che qua tra i blog ci facciamo troppe pippe e spesso inutili.

    non credo pero' sia proprio colpa dello strumento blog, ma di noi cittadini italiani medi che lo abitiamo.

    salute

  22. fabius dice:

    Non capisco quest'accanimento contro Grillo da parte di stampa e blog.

    Forse c'è solo tanta invidia.

    Forse nessuno ha capito bene cosa sta succedendo.

    Forse c'è paura che alla fine bisognerà  dargli ragione.

    Beppe Grillo non potrà  mai candidarsi perchè lui stesso ha alle spalle una condanna (e lo ha anche scritto sul suo blog che però chi critica non legge). Vi invito a documentarvi ed evitare di sparare castronerie e farsi figure barbine come quelle di Scalfari su repubblica che ha replicato con un articolo pieno di errori ed inesattezze.

    Non scendiamo ai livelli della stampa di partito che ridacchia, ridicolizza e tratta con sufficienza le uscite di Grillo, senza però perdersene una.

    Farà  sorridere, sembrerà  ingenuo, a volte spara cazzate, però è una delle poche personalità  (sottolineo personalità ) in grado di aggregare persone e stimolarle a fare qualcosa di positivo per il paese.

    E poi Manrte, ogni volta dici che è l'ultima ma finisci sempre con scrivere quasi un post al giorno su Grillo…

  23. Lunar dice:

    @fabius & alex

    siamo in tanti a non capire, ma non tutti la stessa cosa.

    Io non capisco cosa sperano di ottenere i due, trecentomila che hanno firmato per la proposta di Bebbe Grillo.

    Io non capisco cosa vuole Grillo oltre che riempire i palasport facendosi (giustamente) pagare.

    Io non capisco come fanno tanti giovani a credere che Grillo sia la soluzione dei nostri mali.

    Grillo va bene per un giorno ma poi?

    poi se ne discute perchè questo è il web, l'anima del web.

  24. Franco dice:

    Al contrario credo che tutti abbiamo capito anche troppo bene cosa sta succedendo, e non è cosa molto piacevole per una democrazia.

    La storia insegna (nulla di ciò che sta accadendo è nuovo) che le dittature in genere nascono proprio da movimenti antipolitici guidati da un fustigatore che non è nient'altro che l'uomo della provvidenza d'antan.

    La destra il suo uomo della provvidenza ce l'aveva già , ora ce l'ha anche la sinistra.

  25. Fabio dice:

    Dittatura? Cosa vuole grillo?

    Che tristezza… avete perso qualsiasi sogno, qualsiasi idea che non abbia il copyright di qualche partito…

    Quello che grillo vuole e che vogliono le 300mila persone che han firmato (ed il milione di persone scese in piazza) è un paese migliore, governato dai cittadini e non dalle banche/industrie!

    Tra queste 300mila, ve ne sono di molte che son pronte a rimboccarsi le maniche non per guadagnare un lauto stipendio, ma per riformare in meglio l'intero paese.

    Ho appena finito di spegnere un incendio. Uno vero, dico sul serio. Il classico cassonetto. I carabinieri guardavano la scena attoniti, mentre i gonzi che l'avevano appiccato si incamminavano indisturbati verso il prossimo obiettivo. Apparentemente sono l'unico che ha avuto l'idea di andare a chiedere un secchio d'acqua in un bar all'angolo: un sol colpo, ed ho spento l'incendio.

    Siamo a questo livello, purtroppo, ma è questo che spinge tutte queste persone a voler far qualcosa per cambiare il loro paese. Non ci pensa nessuno se non ci pensiamo noi, è chiaro questo?!

    A breve metterò il filmato su youtube.

  26. Riccardo dice:

    vorrei rispondere a Lunar.

    Scrivi: "Grillo va bene per un giorno, e poi?"

    e poi vengono i cittadini, è qui la novità .

    Grillo non vuole diventare il nuovo centro di potere, lo vuole solo spostare.

    ciao :-)

  27. morbin dice:

    dittatura???

    ma stiamo scherzando?

    quando "partecipano" i blogger secondo l'ideologia blogger della "partecipazione alla conversazione" allora tutto e' buono e bello, quando invece la gente partecipa tramite meetup e dopo si ritrova in piazza (per dei motivi piuttosto concreti tra l'altro, seppur discutibili) allora siamo all'anticamera della dittatura.

    mi spiego, poi.

    quando dico "motivi concreti seppur discutibili" intendo che i contenuti della legge d'iniziativa popolare sono ovviamente concreti, seppur possono essere discussi e eventualmente modificati.

    copio-incollo quello che ho gia' scritto altrove:

    "possiamo discutere delle virgole, e sono sicuro che se avessimo un parlamento decente quella legge verrebbe discussa, magari leggermente modificata e approvata.

    invece no, non verra’ approvata, ne’ probabilmente verra discussa, ne’ certamente verranno tagliati i ministri e i sottosegretari del “piu’ bulimico governo della storia repubblicana” come chiede domenica scalfari su repubbblica nella sua richiesta ‘sana’ che fa da contraltare alla sua nuova lettura ‘insana’ del contesto, ovvero o in malafede o ignorante".

  28. alex dice:

    dittatura?? ma che viaggi vi state facendo???

    vi lamentate che nessuno fa mai nulla, il gg che qualcuno lo fa vi lamentate perche' l'ha fatto!!

    nn so se sara' buono o cattivo ma e' QUALCOSA

    altrimenti solo puttanate scritte sui blog o sui quotidiani e nulla altro.. e sempre la solita tiritera… almeno qui qualcosa c'e'…. nn so come sara ma qualcosa c'e' e forse muovera' qualcosa…. ma voi proprio sempre e solo a lamentarvi

  29. edoardo dice:

    c'e` tanta confusione in me. Prima che il V-Day esplodesse in quello che e` diventato ne avevo solo parlato male di Grillo, del suo blog, del suo populismo e di tutto. Avevo anche scritto un post dal titolo "Il santone che non ha visto la luce". Emblematico. Ora incomincio a pensare che forse tutto sto casino male non fa alla politica italiana.

  30. Franco dice:

    Nessuno scherzo purtroppo. Così insegna la storia che sappiamo si ripete sempre due volta, e questa sarebbe la volta buona della farsa, il che per ora mi pare azzeccato (il "vaffanculo" sostituisce il "menefrego", ma la sostanza è la stessa).

    A chi scopre la partecipazione solo oggi perchè è andato per una volta in piazza al seguito del pifferaio magico, vorrei precisare che in questo paese ci sono già  tante e tante persone che da tempo si stanno rimboccando le maniche e che partecipano o si accingono a farlo, in silenzio, senza mandare in culo nessuno e senza intenti catartici. Con la cosicenza che ci sono responsabilità  collettive, quindi di tutti noi, ed è su queste che ci si deve confrontare.

    Per intervenire e modificare la politica e non per distruggerla, perchè la democrazia senza politica e senza partiti non può che sfociare in qualcosa di molto peggiore (è sempre la storia che ce lo ha insegnato).

  31. alex dice:

    franco scusa ma tutte queste persone che silenziosamente lavorano di cui tu parli nn cambieranno una virgola

  32. morbin dice:

    franco,

    forse il contesto storico a cui stai alludendo (1920) e' un tantino diverso rispetto al contesto storico, sociale, economico e mediatico contemporaneo.

    "un tantino", no?

    poi mi pare che la gente che fa politica a livello locale volontaristico nei partiti di sinistra mi sembra che questo paese non l'abbia cambiato tanto.

    e mi pare che la gente che ha firmato ed era in piazza lottosettembre sia 'di solito' di sinistra e con una forte coscienza politica (vedi i dati swg, il commento di roberto weber, l'unita – si trova googlando).

  33. morbin dice:

    (rispetto ai cambiamenti esercitati dai militanti dei partiti sulla societa' , mi riferisco ovviamente ai tempi recenti e ai grossi cambiamenti che avremmo dovuto apportare in italia per sopravvivere a questo contesto economico globale, ovviamente)

  34. morbin dice:

    hey

    ma poi, l'avete letta davvero questa cosa qua (da "il foglio"):

    Walter Veltroni propone che De Mita "concorra nella formazione culturale e politica dei nuovi dirigenti".

    "Così adesso è finita che l'ex presidente del Consiglio, ed ex leader della Dc, ha accettato un ruolo nazionale, onorifico e compensatorio: sarà  il tutor dei giovani del partito (idea di Veltroni, "genio del compromesso, quasi uno dei nostri", dicono i demitiani)."

    mah

    certo, grillo lavorera' su boutade e altro per fare gran cassa… ma mi chiedo come ci si possa accodare come militanti dentro un PD che sforna tali allucinazioni

  35. Sal dice:

    Boh, a me sembra un topolino quello partorito da Grillo. Tutto sto casino per una proposta semplicistica e che non risolverà  una beneamata mazza. Non basta una legge a cambiare la grettezza umana, e modi e parole del "fu comico" Beppe mi sembrano reazionari, ed è un peccato perché è una delle poche personalità  che riesce a spingere la gente a fare qualcosa. Paradossalmente era più incisivo le rare volte che appariva in Tv e diceva la sua, piccoli cambiamenti ma le cose cambiavano sul serio, ora ha sbroccato di brutto; i suoi post li leggevo i primi tempi, poi è arrivato il Beppe reazionario con i suoi interventi su Welby, sugli immigrati, gli scivoloni tecnologici, i post forcaioli, ecc. Ora io mi chiedo se non sia più utile l'indifferenza piuttosto che continuare a parlare di lui, tanto finirà  per cuocersi nel suo brodo.

  36. Davide Rabbini dice:

    Mi pare che questa vostra così detta blogsfera rifletta abbastanza bene lo sconsolante mediocrità  che si imputa ai nostri politici.

    "Grillo trasmette e non riceve"?

    Poveri blogsauri, per dialogare bisogna essere in due e voi….. non ci siete.

    Il problema sta tutto qui: l'incapacità  di riconoscervi mediocri vi preclude anche la lucidità  necessaria per considerare pragmaticamente il bene che Grillo è può fare per noi.

    E' un guitto? Assai probabilmente, però fa casino il che, in questo paese, è una buona cosa.

    Poi, vi prego non smettete le vostre contorsioni logiche pur di poterne parlar male, a me la mediocrità  della casta ha sempre fatto sbellicare, vi leggerò volentieri

    Saluti

    Davide Rabbini

  37. massimo moruzzi dice:

    @morbìn: in effeti, fra un "demida" come tutor e un grillo, non ho dubbi…

  38. Maurizio Benzi dice:

    Se un millesimo delle critiche rivolte con tanto accanimento a Grillo fossero rivolte ai nostri politici forse questo paese sarebbe migliore.

    Mi pare evidente come ci sia molta più partecipazione dal basso nelle liste civiche che propone Beppe che non in questo ridicolo PD che tanti di voi difendono con forza.

    E' nato dai saggi dagli intellettuali di sinistra, non dalla gente. E ancora prima delle Primarie Veltroni ne è già  il capo indiscusso. Il che fa capire quanto l'opinione della gente non conti assolutamente nulla.

    E poi qualcuno parla di dittatura?

    Ciao,

    Maurizio

    http://www.e-conomy.it

  39. fabius dice:

    Noto con tristezza una cosa:

    che il mondo dei "blogghers" sta diventando sempre di più una comunità  snobb che ha sempre meno da dire.

    I Bloggerz organizzano conferenze in cui si parla di blog

    Vanno ai barcamp in cui si parla di blog

    Scrivono articoli sui blog e sulla blogosfera

    Vengono intervistati da altri bloggers e parlano di blog.

    Non se ne può più!

    Beppe Grillo fa un post, arrivano 3000 commenti e cavolo, non è solo spazzatura!

    Si organizzano manifestazioni, si esce, ci si incontra… come si fa a criticare delle iniziative del genere?

    Per carità , non dico che Grillo sia perfetto, però guardiamo le tag cloud: quanti hanno la parola "Blog" al primo posto? Non è un gran risultato, secondo me…

  40. L'anonimo lettore dice:

    Troppo facile criticare e basta.

    La stragrande maggioranza dei blogger-fighetti che ha massacrato ogni singola parola di Grillo, fin'ora non ha proposto nulla.

    NULLA.

    Rendetevi conto di quanto siete tristi e ridicoli.

    Continuate con le parole, che qui c'e' gente che lotta e fa i fatti anche per voi debosciati.

  41. morbin dice:

    vabbe' anonimo,

    adesso non esageriamo va…

  42. Sal dice:

    anonimo, intona qualche canto fascista e comincia ad incamminarti per Roma…che a noi vien da ridere.

  43. morbin dice:

    sal,

    bravo anche tu,

    tutti a insultarsi.

    ottimo esempio di agora telematica

  44. Federico dice:

    Non ho ancora ben inquadrato il Grillo pensiero, ma una cosa mi e chiara: che i top ranked blogger si sentono come "le cagnette a cui hanno fregato l'osso". Questo è sicuro.

  45. Sal dice:

    Vabbè dovevo essere più costruttivo, ma non capisco chi dice che la mobilitazione va bene sempre e comunque. La marcia su Roma fu partecipazione "popolare"… dovremmo per questo considerarla positiva? Era questo il senso del mio post, non volevo offendere nessuno, piuttosto a me sembra che si abbia il diritto di criticare i contenuti, e mi sembra che le proposte grillesche siano delle belinate, non tutte, ma la maggior parte sì, superficiali come sono. A costo di ripetermi: la montagna ha partorito un topolino.

  46. Federico dice:

    @Fabius

    Hai presente la De Filippi, che organizza programmi in cui si insegna ai ragazzi a condurre programmi? TV autoreferenziale. Qui più o meno è uguale.

  47. Fabio Metitieri dice:

    Morbin, ti vedo messo male, proprio male.

    Va bene. Come italiani medi, dici, in genere siamo degli incapaci (che poi… parla per te, perche' io mi sento italiano ma di certo sono molto poco "medio").

    E quindi, prosegui, non e' colpa delle caratteristiche dello strumento blog se dalla blogosfera – nel senso ampio del termine, non solo i 4 bloggher Vib – non esce mai nulla di piu' di pippe mentali.

    Be', ma anche se dimentichiamo il fatto che neppure i blogger – di nuovo, quelli normali, non i Vib – sono gente cosi' tanto "nella media degli italiani", ma tendenzialmente sono piu' istruiti, piu' impegnati, ecc., allora se manco con i loro blog riescono a "fare rete" e a costrure iniziative concrete, foss'anche un piccolo archivio/osservatorio sulle magagne dei politici, bisogna concludere senza dubbio che i blog non sono affatto uno strumento cosi' formidabile e rivoluzionario.

    Al contrario, i blog hanno qualche difetto proprio nei loro meccanismi e probabilmente come comunita' non funzionano, o non funzionano bene quanto gli strumenti piu' vecchi e tradiizonali, come le mailing list.

    Ti pare?

    Dopodiche', morbin, insomma…. scrivi addirittura:

    ***

    ma stiamo scherzando?

    quando "partecipano" i blogger secondo l'ideologia blogger della "partecipazione alla conversazione" allora tutto e' buono e bello, quando invece la gente partecipa tramite meetup e dopo si ritrova in piazza (per dei motivi piuttosto concreti tra l'altro, seppur discutibili) allora siamo all'anticamera della dittatura.

    ***

    A parte il fatto che nella bloghosfera la "partecipazione alla conversazione" non c'e', non c'e' mai stata, e adesso il panorama italiano si compone di una minoranza ideologica accusata dalla maggioranza di essere una Casta, tu stai dicendo cose molto gravi.

    E con questo sei definitivamente stato identificato come eretico e infedele. Io ti consiglierei di inventarti subito qualche Evento Tramezzinato a cui invitare i bloggher Vib, per scusarti, altrimenti ti emargineranno e ti daranno anche del troll. o dello spammer che vende noci di cocco.

    E guarda che secondo me i bloggher ti beccano anche se ti nascondi in Slovenia. Hanno il Bgb, nei Paesi dell'Est, come hanno il Blogssad nei Paesi arabi….

    ;-)

    Ciao, Fabio.

  48. rain dice:

    perchè non hanno scelto "ciao fabio" come tutor

    dei giovani pd ?

  49. Fabio Metitieri dice:

    Federico scrisse:

    "ma una cosa mi e chiara: che i top ranked blogger si sentono come "le cagnette a cui hanno fregato l'osso". Questo è sicuro."

    Certo. Stesso atteggiamento che hanno verso qualsiasi cosa che loro non potrebbero usare senza rimettersi a studiare e senza tornare a lavorare in un'ottica meno egocentrica e piu' comunitaria. E dove non ci sono classifiche da scalare, dove le logiche di Casta funzionano poco e, soprattutto, non si guadagnano galloni, Tramezzini e collaborazioni con le testate che contano (che contano… secondo loro).

    Se poi si tratta di una novita' che finisce pure sotto i riflettori al posto loro e che fornisce agli esperti di comunita' e di comunicazione on line degli aspetti sempre nuovi e interessanti da studiare… Bleah…

    Il loro attegiamento verso Second Life e' stato lampante, no? I piu' l'hanno bollata come fesseria, Mantellini ha gia' scritto da tempo che era una bufala e che e' morta.

    Granieri invece si e' buttato sul bandwagon di SL molto in ritardo ma con il chiaro obiettivo di ricavarci subito qualcosa; per cui, prima ancora di avere avuto il tempo di capire che cosa e', ha dichiarato che sta lavorando per scrivere un articolo illuminante centrato sul successo delle Creative Commons in SL.

    Io credo che il suo terzo saggio sara' proprio su questo e che banalita' come il fatto che le Creative Commons in SL non esistono non potranno di certo fermare un pensatore cosi' brillante.

    ;-)

    Non so… forse sarebbe veramente il caso, per i blog, di abbandonare certi ambiti teorici talebanici per dedicarsi ad altro. Mia nonna diceva sempre che e' inutile cercare di cavare fuori qualcosa da una rapa.

    Ciao, Fabio.

  50. morbin dice:

    certo che anche tu, fabio m., sostieni un tantino troppo questa divisione 'balck & white' della realta'…

    almeno in slovenia non capiro' cosa dicono

    ; )

    nasvidenje!

  51. massimo moruzzi dice:

    nasvidenje è come dasvidanja ? :)

  52. Fabio Metitieri dice:

    Sono estremista e senza grigi, Morbin?

    Sullo strumento in se', dico solo (da sempre) che i blog sono molto utili, ma sono solo uno dei tanti strumenti disponibili oggi on line; che permettono di fare produzione di contenuti personali (che in Internet si e' sempre fatta), in modo molto piu' semplice di prima; che sono meno comunitari di altri strumenti; che le teorie sulla reputazione sono tavanate e i blog tendono a produrre ideologie e falsificazioni della realta'; chei tendono a peggiorare l'informazione in genere, invece di migliorarla; che una rivoluzione blog non c'e' mai stata e non ci sara' mai; che sono tuttora strumenti poco diffusi; e che non riservano piu' alcuna sorpresa o novita'.

    Di certo, non direi mai che sono inutili o che sono morti, o che moriranno a breve, o che bisognerebbe buttarli dalla finestra.

    Pero', forse sarebbe meglio provare a usarli nel miglior modo possiible e senza tante teorie. Magari, proprio facendo un po' piu' comunita'. O per esempio criticando seriamente i media (tutti, compreso quelli "vicini" ai bloggher stessi), invece di limitarsi ad arrembarli.

    Da questo punto di vista, sulla Casta dei Vib, quelli che "si teorizzano", ha scritto Cogo molto meglio di me.

    Come ho aggiunto qui: sono una Casta di teorici che parlano quasi solo di blog o di qualsiasi cosa di cui non sanno nulla; che non producono informazione autonoma; non creano una vera conversazione; esaminano il mondo senza obiettivita', ignorando o distorcendo tutto cio' che non convalida le loro teorie; si sono appiattiti nella spasmosdica ricerca di Tramezzini, su cui fanno un elaborato lavoro di squadra che, come dice Cogo, e' escludente.

    Guarda, Morbin, non e' un'analisi estremista. I grigi e bianchi, cioe' i vantaggi dello strumento blog, li vedo benissimo.

    Ma non si puo' negare che molti aspetti del sistema non funzionano e che l'uso che ne e' stato fatto dalla se' dicente elite di teorici – che e' poi quella che riesce a far passare sui media la propria vision – e' stato scorretto, personalistico e dannoso per la comunita' italiana on line.

    A me non sembra di dire cose tanto strane o estreme. Anzi, mi sento molto banale, su questo argomento.

    E sono quasi tutte cose che ti avevo gia' detto in quell'intervista di piu' di anno fa. Come dire: un altro anno e' passato e nella blogosfera non e' successo assolutamente nulla di nuovo. Significativo, no?

    Ciao, Fabio.

  53. Franco dice:

    Continuate con le parole, che qui c'e' gente che lotta

    ****

    Addirittura! mi sa che questi seguaci del pifferaio si sono leggermente montati la testa.

  54. antelope dice:

    Varie volte mi è capitato di leggere un blog e concludere "peccato che sia un blog e non un forum o qualcosa del genere"…

  55. L'anonimo lettore dice:

    A tutti quelli che mi hanno criticato, sto ancora aspettando l'elenco delle cose concrete (dei fatti, per intenderci) che la Blogpalla (che termine orrendo!!!) italiana ha messo a segno fino ad oggi.

    Fatti, non pugnette!

    Il vostro atteggiamento e' cio' che rovina l'Italia, non i nostri politici (che sono la loro posto e fanno i loro porci comodi perche' gente come voi, dopo il classico quarto d'ora di indiganzione, non fa nulla per cambiare le cose).

    Siete vecchi, morti dentro.

    Usate si' un mezzo tecnologico del 21esimo secolo, ma con le idee e i principi del medioevo.

    Per Mantellini: hai sentito del blocco dei server di Ed2k?

    http://www.p2pforum.it/forum/showthread.php?s=7fa7bac8e0a5e82fd6b85aed67f3cb33&t=227185

    Ti stimo per i tuoi articoli "tecnici", ma e' gia' da un po' che latitano dal tuo blog…

  56. antelope dice:

    Per Mantellini: hai sentito del blocco dei server di Ed2k?

    Forse l'interminabile storia "ragazzini con ADSL vs Majors" ha iniziato a stufare? Per quanto mi riguarda, già  da un pezzo..

  57. Lunar dice:

    stupendo il commento #55

    ne ho accennato in altro commento:

    l'indignazione in rete (in Italia) è quell'attimo che passa tra lo scarico di un film e l'ultimo album di dj Francesco.

  58. marcog dice:

    e se fosse vero quello che dice il nostro esimio presidente del consiglio: "Gli italiani non sono meglio della classe politica che li rappresenta".

    m

  59. Fra dice:

    Io credo che Prodi abbia tanta ragione, basta guardarsi intorno, furbetti e dinosesti ovunque. Tanti guasti e nessun colpevole.

    Gli è che gli italiani spesso (o sempre?) dimenticano le responsabilità  personali e sbracano con la scusa che tanto "così fan tutti".

    Se non siamo nemmeno in grado di cambiare noi stessi come possiamo cambiare la politica del paese?

  60. Gianluigi dice:

    Scusa Mante ma come stai? Visto che lavore in ospedale ti stanno curando bene? E' la stessa malattia di Grillo? Sai fai preoccupare, tu sul tuo blog puoi fare pubblicità  a chi pare a te, mentre se Grillo pubblicizza le liste che piacciono a lui, Grillo deve stare male.

    Complimenti.

  61. ;-) dice:

    A proposito di Grillo e del V-Day (sì, lo so, ormai si è detto tutto) vi consiglio la lettura dell'ultimo numero (n.24 16settembre) dell'Arengo del Viaggiatore sul sito http://www.arengo.info ;

    articoli veramente interessanti, non banali e dalle opinioni anche contrastanti tra loro.

    V-day a parte, vi consiglio la lettura anche degli altri articoli, un webzine veramente notevole!

  62. Fra dice:

    Hey smile, non ti sembra di esagerare con lo spamming? Questo messaggio oggi l'ho gia visto uguale uguale su vari forum. Almeno cambia il testo.

  63. morbin dice:

    io penso che massimo m. farebbe un servizio sacrosanto a continuare a ospitare il dibattito su grillo a ogni nuova iniziativa di grillo, magari anche dandogli avanti del castrone.

    perche' se no finisce che le uniche opinioni in rete su quello chhe fa grillo e la gente che sostiene iniziative ACCANTO a lui ha come fonti di informazione repubblica.it o corriere.it o il sito di grillo stesso.

    insomma:

    uno spazio di dibattito in piu' non e' male .

  64. Fabio Metitieri dice:

    Morbin, ma allora sei proprio duro di comprendonio. O la tua era una battuta?

    Il blog non e' l'unico strumento rimasto in Rete ed e' uno dei meno adatti a discutere. Questo mi pare che sia assodato e incontestabile, no?

    Per cui, appellarsi a un bloggher perche' "ospiti" un dibattito che tu ritieni necessario e' a dir poco demenziale. A parte il fatto che in un blog come questo i commenti sono letti – tiro a indovinare – dal 30% dei frequentatori, ma se vuoi dibattere apri una lista, un forum su Web, fai un blog collettivo, aperto ai contributi di tutti, al limite usa il Barbie World…

    Insomma, Morbin, anni che sei in Rete e che studi la Rete, e che ti vendi pure come esperto di Rete, e quando ti pare che su un argomento sia necessario dibattere, l'unica soluzione che ti viene in mente e' di chiedere a un bloggher – che e' un medico, tra l'laltro, manco un commentatore politico – di continuare a parlarne, cosi' gli altri possono discuterne nei ritaglietti di commenti che lui magnanimamente lascia aperti?

    Maddddaiiii…. Ma va a ranare…. Questo e' veramente grottesco.

    Ciao, Fabio.

  65. alex dice:

    eh beh

  66. alex dice:

    cmq per continuare il dibattito avete visto cosa ha detto il direttore di rai due? se nn e' quello fomentare nn so cosa sia… cioe' e' assurdo e allucinante…. stanno intervenendo tutti.. nn si era mai vista una parata di cazzate del genere… si vede proprio che stanno temendo per la loro FICTION

  67. morbin dice:

    dai fabio,

    dovresti smetterla.

    tu che sei veramente un esperto di rete e ti descrivi a pie' sospinto come tale addirittura nei commenti dei blog, dovresti sapere che ogni discussione e' utile a alimentare idee e nuove idee. anche quelle nei commenti dei blog poco frequentati che frequenti.

    smettila di fare il talebano, cosi' ti conquisteresti un po' piu' di stima da tanti che ti incrociano.

    le cattive emozioni che susciti dovresti prenderle un po' piu' in considerazione, la gente interagisce e classifica non solo tramite i testi ma anche tramite le emozioni che vi sono evocate. dovresti saperlo bene.

    su da bravo

    emm

  68. Fabio Metitieri dice:

    Morbin, non girare la questione come fatto personale. Alla mia "fama" o alle emozioni che suscito ci penso da solo, grazie.

    E d'accordo, qualsiasi discussione e' utile, anche tra i commenti di un blog, altrimenti non scriverei qui.

    Pero', se veramente ritieni che sia necessario dibattere su qualcosa, allora apri uno spazio, uno qualsiasi.

    Chiedere a un bloggher di postare in merito e chiamare "dibattito" quello che potrebbe uscirne, sparso tra i commenti, un po' qui e un po' la', e' ridicolo.

    Ciao, Fabio.

  69. morbin dice:

    guarda che sei tu quello che la butta sempre sul personale. "tu che sei un esperto", "tu che sai tutto", "tu che fai gli eventi tramezzinari".

    dai, suvvia