La miglior sintesi del caso Mele l’ha fatta oggi Michele Serra su Repubblica.

47 commenti a “"PUTTANIERI CHE AMANO MOLTO IL PAPA"”

  1. Daniele Minotti dice:

    Vedi perché criticavo Diliberto, poi anche Grillo e, ora, Serra? Perché al di là  del linguaggio turpe (io ne adotto uno decisamente più colorito), della palese incoerenza di Mele (ma scagli la prima pietra…), il termine "puttana" usato da questi sedicenti puri e dotti dimostra soltanto un profondo disprezzo per una femmina che, per necessità  o virtù o entrambe le cose, fa un certo mestiere di cui, tra l'altro, molti ne hanno approfittato, trasversalmente.

    Allora, propongo che Diliberto, Beppe Grillo e Serra vadano per qualche periferia a dire, in faccia a queste donne, "sei una puttana" senza, però, fare riferimento pseudo-poetico a De Andrè nella sua lirica non edulcorata.

  2. frap1964 dice:

    Anche questa (come sintesi) non è male:

    Uomo

    Donna

    Coca

    ;-)

  3. Daniele Minotti dice:

    Frap, non so se sia merito della comune classe (1964), ma molte cronache recenti dicono che la tua sintesi è ottima.

    Anche se, personalmente, ritengo che il collegamento Mele-coca sia tutto da verificare. Non certo come per molti dei commentatori in malafede.

  4. antonio dice:

    Daniele, c'è scritto puttanieri, non puttane. E' diverso.

  5. Daniele Minotti dice:

    @antonio

    Ok, cambio di prospettiva, ma non esiste puttaniere senza puttane, scusa, eh…

    Non era più corretto dire che chi tradisce la moglie (perché è questo il punto, non la frequentazione di prezzolate) non può fare tanto il "crociato" della famiglia?

    Diciamoci la verità , dire "puttane" buca meglio lo schermo e, del resto, è anche più in linea con la volgarizzazione dei toni della nostra politica.

  6. Lopo dice:

    Quindi se dico che gli scafisti sono i moderni negrieri, sono razzista?

  7. Daniele Minotti dice:

    Si aggiunge Grillini che, però, usa il più romanesco "mognotte".

    @Lapo

    A parte che, con rispetto, non mi sembra che l'esempio sia molto pertinente (in quanto meno stretto nei termini), da un lato negriero è chiaramente dispregiativo nei confronti di chi commercia in esseri umani e i cd. "negri" ne sono le vittime.

    "Puttaniere" indica, invece, disprezzo per entrambi i soggetti coinvolti attivamente nel meretricio.

  8. Daniele Minotti dice:

    @Lopo

    Arghhh!!! Il lapsus!!! Ti ho chiamato Lapo!!! :-)

  9. Lopo dice:

    Nessun problema per il lapsus (ma occhio che hai anche scritto "mognotte" invece che "mignotte"), però dissento.

    Il termine negriero in sé non ha niente di spregiativo: http://www.demauroparavia.it/73403

    Lo è diventato perché adesso aborriamo la schiavitù, e per questo lo usiamo in modo figurato: ma quando affermo che la "Amistad" era una nave negriera, la sto solo qualificando per il suo uso, non c'è necessariamente un giudizio etico.

    Quanto a "puttaniere", continuo a non trovare automatico che qualifichi le prostitute come puttane, essendo ormai un termine che ha una sfumatura di significato aggiunta a quello letterale di "persona che va con le prostitute".

    Secondo lo stesso principio, anche gli spaghetti alla puttanesca sarebbero offensivi, e quindi da bandire dai menù.

  10. Daniele Minotti dice:

    Penso che su negriero occorra distinguere tra sostantivo e aggettivo. Il primo, oggi, è dispregiativo, tendenzialmente.

    Sul puttaniere hai ragione a dire che non c'è collegamento automatico. Ma io penso male, faccio peccato, ma credo di azzeccarci.

  11. massimo moruzzi dice:

    Daniele,

    spiegami comeè la storia di quelle che fanno quel lavoro per 'virtù' :)

    che poi, una che va con un parlamentare, per quanto brutto e baciapile, stai pur sicuro che tanto male almeno economicamente non se la passa…

  12. Daniele Minotti dice:

    @Massimo

    Sulla virtu', in parte, era un gioco di parole (di necessita' fanne virtu') che mi e' venuto al momento, in parte per dire che non tutte le prostitute ne hanno necessita'.

    Poi, appunto, ci sono prosititute e prostitute. Certe escort guadagnano sicuramente bene, molto piu' di me e te messi insieme (e tutto in nero). Senza averne un bisogno specifico dal momento che, pur con la crisi dell'occupazione, non dovrebbero aver problemi a trovare un lavoro da 1000 euro. Che e' una miseria, ma tantissima gente lo fa, costretta dal mercato.

    E' un mestiere che non vorrei fare, quello della prostituta pur d'alto bordo: e' rischioso (malattie, clienti impazziti, ecc.) e sgradevole (non per motivi morali, ma perche' ti tocca accoppiarti con tutti). Ma, allo stesso tempo, a quei livelli e' molto comodo e permette di togliersi tanti capricci, coca compresa (ma, forse, ritorniamo al punto di partenza della necessita' per tossicodipendenza).

    Poi, stamattina, leggo che anche la Santanche' (donna) usa il termine "puttana" pur in un contesto in cui difende la moglie di Mele e la signorina della notte folle.

    Non ci capisco nulla. Probabilmente sto sbagliando.

  13. massimo moruzzi dice:

    che poi pare che sto Mele fosse pur ebello, che non si era accorto che lei fosse una zoccola, pensava di aver fatto colpo come in gioventù ;-))

  14. Daniele Minotti dice:

    Sai come sono gli uomini: a qualsiasi eta', con qualsiasi faccia, con qualsiasi fisico, con qualsiasi portafoglio pensano di essere degli sciupafemmine.

  15. raxi dice:

    Minotti ma come sei messo?

  16. Daniele Minotti dice:

    Attualmente sono messo sulla poltrona della mia scrivania.

    Non ditemi che ho bisogno di vacanze, le ho gia' fatte ;-)

  17. raxi dice:

    Minotti tu sicuramente non sei un puttaniere.

    Ma il papa, almeno, lo ami molto?

  18. alessandro dice:

    aaaah ma e' un problema semantico??

    e io che pensavo fosse un politico che fa crociate contro i pacs (o dico), contro la depenalizzazione delle droghe (leggere pero') e contro l'uso di stupafacenti da parte dei parlamentari!!!

    invece no e' solo un problema semantico….

    meglio cosi no :)

    lol

    lol

    ma lol

  19. massimo moruzzi dice:

    Daniele,

    ma quanto sei femminista? io non ci riesco più…

  20. Daniele Minotti dice:

    Massimo, penso che nessun maschietto possa essere veramente femminista. Si tratta di avere un po' di sensibilita' anche laica (ben venga, e' sicuramente la piu' pura).

  21. Daniele Minotti dice:

    @raxi

    Sono cattolico, pratico un po', pecco molto.

    Alla Chiesa (e ai suoi potenti), preferisco i pretini anonimi (ma anche quelli impegnati) che si sbattono dalle nostre periferie all'ultimo dei mondi.

    Il mio modello (che non posso neppure avvicinare) e' San Francesco.

    Ti vado bene cosi'?

  22. Daniele Minotti dice:

    Alessandro, scusa… non so se il tuo lol sia rivolto a me. Nel caso, prima di lollare ancora, ti richiarisco il mio pensiero.

    Ben poco da dire sul "crociato" (tieni presente che, qui, il termine l'ho introdotto io, proprio per evidenziare i profili negativi prossimi all'integralismo e all'ipocrisia).

    Per quello che mi riguarda (anche se non sono elettore UDC), dovrebbe dimettersi non soltanto dal suo partito, ma da parlamentare.

    Tutti possono sbagliare, e' vero, ma qui c'e' di mezzo un mandato politico. Vorrei che Mele ci portasse, uno ad uno, i suoi elettori a conferma che, malgrado questa "caduta", lo rivorrebbero come proprio rappresentante. Magari ne tira su' un 50%, dubito un numero tale da fargli mantenere la poltrona. Perche' penso che se io fossi un elettore UDC (come di ogni altro partito) voterei i valori, un programma piu' che l'uomo. Ma se l'uomo proprio non li incarna non puo' rappresentarli.

    Stesso discorso vale per Selva che vanta il sostegno dei suoi elettori. Consentitemi di dubitare fortemente.

    Poi, su altro livello, ripeto che non mi e' piaciuto l'uso di certi termini che sono dispregiativi nei confronti di una donna, pur dal mestiere discutibile.

    Ribadisco che, per uno che sostiene il valore famiglia (cattolica), il punto e' il tradimento della moglie, non il pagare un partner. Ok, magari siamo tutti adulteri, ma, almeno non facciamo gli ipocriti.

    Idem per le seconde nozze e mi risulta che, anche qui, Mele sia… "peccatore".

    Almeno Sircana che va in cerca di trans (che non significa che ci sia andato) fa parte di una coalizione con un programma diverso sul punto. Rimane un problema con sua moglie, secondo me. E ha fatto bene a non dimettersi.

    Sostengo sempre "chi e' senza peccato scagli la prima pietra", ma qui in politica, per il caso Mele, e' diverso.

  23. Noantri dice:

    Sono puttane.

    Fine.

    Vai da loro, le porti a fare due chiacchiere e a un certo punto domandi: "E tu che fai nella vita?". Risponderanno, odorando di vaniglia e arance: "Sono una puttana, tesoro". Oppure: "Faccio la puttana". Il che non esclude che siano anche madri di famiglie, ottime, esemplari: però sono puttane. E a chiamarle, come? Meretrici? Diversamente disinibite? Operaie del pene? Non-vergini? A chiamarle in qualsiasi altra maniera si compie il peccato mortale dell'umanità  d'oggi, quello della retorica che conduce al ragionamento massificato. Sono PUTTANE, come i neri sono negri e gli omosessuali sono froci. Ho un amico negro: gli ho dovuto pagare uno shortino di rum guatemalteco Zacapa: costo 23 euro a degustazione. Gliel'ho dovuto pagare perché, nel discorso, m'è scappato un: "Ma tu sei di colore, scusa". E invece la dicitura giusta doveva essere: "Ma tu sei negro, scusa". M'ha detto: "E che, io ti chiamo diversamente bianco, per caso?". E da lì gli ho dovuto offrire il rum. Non ripeterò mai più lo stesso orrore: vai da un frocio, chiamalo "Scusa, omosessuale", vedi come si gira. Con un bastone di ciliegio in mano. Sono froci. E i sordi sono sordi, non audiolesi: sono puttane e chi va dietro quelle gonnelle e calze a rete sono i puttanieri.

    Che ci vuoi fare?

    E' la vita, baby. Non la fare più complicata di così. Del tuo perbenismo, della tua nomenclatura che puzza di mutande sporche, mi ci fascio l'anima ferita. Sono puttane.

    De André non faceva alcun riferimento pseudo-poetico quando parlava della SUA puttana (che aveva anche un bell'uccello così). Da lei andava a farselo succhiare senza lirismi e senza stornelli: era una puttana, la SUA puttana. E Faber resta uno dei più grandi esseri umani del Creato. Lui è morta e la sua puttana sta ancora lì, a Genova. Solo che ha preso un po' di soldini per non rilasciare interviste sull'argomento: perciò ora è un po' meno puttana di prima ma – anche lei – sempre puttana è.

    [Ste]

  24. Daniele Minotti dice:

    Considerazioni ineccepibili, le tue. Pensi che non le condivida, almeno in larga parte? Beh, non hai proprio capito niente di quello che volevo dire. Hai una visione un po' troppo poetica delle "puttane".

  25. Daniele Minotti dice:

    Ah, mi sa che a Genova, in Via del Campo, non ci sei mai stato.

    Io ho avuto la fortuna di avere la mia facoltà  proprio a due passi.

    Ti assicuro che l'ambiente non era tanto poetico. Allora, onore a De Andrè, ma ha dovuto avere molta fantasia…

    Qui son tutti poeti col cinismo incorportato.

    Ora chiamo Metitieri che vi sistema tutti, bloggher e non.

  26. alessandro dice:

    daniele ciao

    che posso dirti…. non guardo l'adulterio in se x se…. mi spiego:

    se trovi una e ci vai a letto… beato te… e' stato un momento di fiamma e hai avuto fortuna a trovare una donna disinibita…. colpa

    se non la trovi a vai a troie quantomeno c'e' il dolo…

  27. Daniele Minotti dice:

    E beccatevi questa, dal Corriere attribuita a Buttiglione. Copio e incollo.

    "Non si può *sputtanare* un partito che si batte per dei valori solo per l'errore di un singolo".

    Involontaria? Non so, ma gigantesca.

  28. Daniele Minotti dice:

    Non so, Alessandro.

    Penso che il rapporto a pagamento sia socialmente meno accettabile. Lo dimostrerebbe anche la prima versione di Mele che ha detto di non sapere al momento dell'incontro.

    Credo che molti pensino che se becchi di tuo sei un figo, se paghi sei uno sfigato. Eppoi, proprio con le "puttane", no, eh…

    Con la moglie non saprei. Di certo farebbe la differenza una relazione duratura (tradimento del sentimeno, non del solo corpo), ma paganti o "portoghesi" non sono convintissimo sia poi così diverso per una moglie.

  29. massimo moruzzi dice:

    Buttiglione: ahi, ahi, ahi, signora Longari, lei mi è caduta sull'uccello! :)))))

  30. Daniele Minotti dice:

    Sempre per Massimo Moruzzi e scusate le molestie.

    Queste mie considerazioni e la citazione di De André (per il quale confesso di non andare pazzo, semplicemente perché non mi dice quello che dice alla maggioranza), nascono da un episodio che mi ha fatto molto riflettere.

    Ero con una collega, in un momento di pausa, in auto. Aveva un cd di Jannacci e, seguendolo, ci ho cantato sopra il verso incriminato, pensando di evocare la poesia dell'angiporto genovese: Via del Campo c'è una puttana" (cit.).

    Beh, la collega si è risentita. Non di De Andrè, ma del mio modo di cantare sognante una poesia che non c'è.

    La mia collega è una donna *privilegiata*, in carriera, sa il fatto suo ed è il n. 2 di un dipartimento legale di una grossa societa . Ed ha concrete possibilità  di diventare il n. 1.

    Ho riflettuto molto dopo la sua severa reprimenda.

    Cantereste la "poesia" della guerra?

  31. massimo moruzzi dice:

    non capisco bene cosa stai cercando di dirmi, Daniele.

    io, a naso, dico che le vere puttane non sono certo quelle che stanno in strada

    (neanche i numeri 2 degli studi legali,non sto dicendo questo)

  32. Daniele Minotti dice:

    Volevo soltanto dirti che per una donna usare il termine-concetto "puttana" può essere offensivo. Non se lo dici a loro, personalmente, ma se lo usi in un certo contesto e in modo gratuito e improprio.

    Poi, non so, non sono una donna e, allora, mi piacerebbe sentire l'opinione di un'esponente del gentil sesso? (e' offensiva l'espressione gentil sesso? :-)

    Se qui disturbiamo, mi trovi su Skype, tra un po'. Ciao.

  33. Enrico dice:

    Post su SL, social net o simili al max 7/8 interventi, si parla di puttane e siamo già  a 32 repliche.

    E' il Web 3.0, si torna al reale.

    Finalmente.

  34. Joe Tempesta dice:

    Va bene tutto ma 23 euro per uno shot di Zacapa Centenaro è un furto: con la stessa cifra in liquoreria gli regalavi una bottiglia

  35. Annarella dice:

    @daniele minotti Trovo offensivo il termine puttana quando viene usato per indicare le abitudini sessuali di una signorina che non lo faccia a scopo di lucro.

    Se la signorina lo fa a scopo di lucro la si chiami escort o puttana o peripatetica proprio quel genere di professione sta ad indicare.

    Il termine puttaniere non lo trovo invece offensivo come donna perche' sta ad indicare "signore di sesso maschile che paga donne per fare sesso". Alla fine o si vuole fare del politically correct a tutti i costi o il termine e' quello

  36. Daniele Minotti dice:

    @Annarella

    Grazie per il tuo punto di vista di donna.

    Come uomo, ti dico che a me non piacerebbe sentirmi dire puttaniere (forse perché non lo sono).

    Aggiungo una domanda. E se la "puttana" fosse necessitata/costretta a farlo?

    Anche se non mi sembra sia il caso concreto, ovvio.

  37. massimo moruzzi dice:

    @Annarella : chiamare 'puttana' una che è sessualmente 'libera' è una cosa tipica da maschio italiano patetico che cerca la fidanzatina che fa quello che vuole lui…

    Viceversa, chiamare 'puttana' una o aggressiva, o che si veste da puttana o che adesca in modo pesante e poi dopo fa la santarellina è imho cosa buona e giusta.

  38. .mau. dice:

    @massimo moruzzi: no, quella è una purittana.

  39. giusy dice:

    Sono d'accordo con Annarella, e francamente non capisco bene perché Daniele se la prende tanto… il termine puttana è stato usato, da Diliberto e da Serra nel giusto contesto, non vedo perchè mi dovrei offendere come donna, boh. Mi è difficile capire una persona che non apprezza molto De Andrè :-)

    Scherzo, ovviamente.

  40. giusy dice:

    A proposito Daniele, temo che Diliberto susciterà  di nuovo la tua disapprovazione ;)

    http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=67894

  41. Annarella dice:

    @massimo un amico definisce quel genere di signorine fioraie. La mia definizione personale e' "quelle che la fanno annusare ma non la danno" :)

    @daniele esistono anche situazioni di disagio e prostituzione forzata ma, in quel caso, abbiamo un dramma non una questione linguistica. La schiava del marciapiede e' ben diversa dalla signorina da 200 euro a botta.

    L'inglese su questo e' piu' neutro avendo termini come "sex worker" ma e' anche la lingua dove termini come master and slave, riferiti ad architetture infomatiche, hanno scatenato discussioni.

  42. Daniele Minotti dice:

    @massimo moruzzi

    Massimo, io e te dobbiamo vederci un po' più spesso, anche perché, ad oggi, ci siamo visti soltanto in un'occasione (più un paio di chiamate qualche anno fa). Mi sembri troppo incazzato con le donne…

    @ giusy

    No intendevo riferirmi, all'inizio della discussione, ad una singola persona. Ma prendo atto anche della second opinion femminile.

    Quanto a De Andrè, non mi dispiace, ma sono per una musica diversa e non sempre lo capisco, anche se qui sono circondato da persone che lo adorano (e non perché siamo in Ligura).

    Sono decisamente più battistiano.

    Comunque, ha troppo ragione Enrico 33… àˆ un post dai commenti record, apre un'era :-)

  43. Daniele Minotti dice:

    @giusy 40

    Diliberto sembra intendersene…

    Io propongo un Voigt Kampf (spero di ricordare bene come si scrive).

  44. Daniele Minotti dice:

    @Annarella

    Siamo in Italia.

    Del resto, scusami, sembri non aver letto/capito il mio tema.

    P.S.: Mi sta finendo la pila del palmare…

  45. giusy dice:

    Solo una precisazione a proposito di De André: lui ha cantato anche la guerra di Piero, il testo è stato inserito come poesia in qualche antologia scolastica… ma canzoni come "via del campo", "bocca di rosa" e altre non volevano, secondo me, fare poesia sulla prostituzione, ma dare un pò di dignità  e umanità  alle prostitute, appunto. Una forma di considerazione e di rispetto, se vogliamo, e poi lo sberleffo nei confronti dei "benpensanti". Molto attuale, direi, forse eterno.

    (Sì, De Andrè mi piace molto, non tutte le sue canzoni, ma la maggior parte)

  46. Daniele Minotti dice:

    Giusy, la guerra di Piero è una bellissima poesia suonata contro la guerra (le canzoni, per me, sono un'altra cosa, malgrado la PFM). àˆ una delle poche che amo di De Andrè, insieme a Bocca di rosa (a proposito, un tempo, non so ora, a Sant'Ilario ci abitava anche Grllio, Beppe).

    Parlavo di canzoni di (pro) guerra, non sulla guerra.

    Poi, vedi che, comunque usando il termine "puttana", si vuole dare una dignità  all'argomento e i problemi relativi (ma io non penso che De Andrè abbia voluto questo, ce lo confermano in questi commenti dove vedono la "puttana" come una capace – soltanto – di succhiarlo con cura professionale).

  47. giusy dice:

    @ Daniele:

    mi fa piacere che la tua pila si sia ricaricata:)

    Non mi ero spiegata bene, io intendevo dire che, così come la guerra di Piero non è una canzone a favore della guerra, lo stesso vale per le canzoni sulle puttane. Che poi De Andrè le apprezzasse anche a titolo personale non lo so e non mi interessa, sinceramente.