14
Giu

“A Consorte non ho chiesto niente di più che semplici informazioni sul carattere dell’operazione Bnl”. Cinque mesi dopo, la lettura dell’intercettazione telefonica conferma quanto io sia stato sincero allora: mi sono limitato a chiedere notizie a Consorte, tra l’altro su fatti già  avvenuti. Non c’è stata da parte mia una sola parola sulle scelte future dell’Unipol. E’ stata una pura telefonata informativa”.

Mi pare evidente che il contenuto delle intercettazioni pubblicate dai quotidiani in questi giorni e questa affermazione di Piero Fassino del gennnaio 2006 siano discretamente incompatibili. Uno dei due mente.

p.s. Michele Serra ieri diceva che non votera’ un PD come quello che sta nascendo. Umilmente mi accodo.

7 commenti a “SINCERAMENTE”

  1. Aemilius dice:

    Mah… a me sembra che con queste intercettazioni stiano già  selezionando la futura dirigenza del PD. E se fosse il mortadellone – in apparenza così pacioso – a tirare le fila?

    In fin dei conti su un'operazione delle coop – l'acquisto di Parmalat da parte di Granarolo – si era già  messo di traverso.

  2. alessio dice:

    Dai, Mantellini, che non vedi l'ora di votare Scalfarotto nel PD…

  3. franco dice:

    La Binetti segretaria vi metterebbe d'accordo?

  4. ivan dice:

    sono d'accordo con michele serra e con te e ho già  deciso che non lo voterò.

  5. Tonino dice:

    Sì va bhe, ma le motivazioni di Serra non c'entrano niente con sta vicenda, non aggiungiamo confusione.

  6. Cubic dice:

    Dove sta l'incompatibilità  di cortesia? Potresti argomentare, please?

  7. Alessio dice:

    Basta leggere il resoconto delle telefonate per capire che Fassino mente, ha fatto molto di più che informarsi, tanto è vero che Consorte lo ringrazia per tutto l'aiuto che gli ha fornito.

    E poi Fassino parla al plurale, abbiamo una banca, noi abbiamo il 15 più 4, ecc.

    E il NOI non è certo riferito alla sua famiglia.

    Addirittura inuna telefonata arriva a minacciare Mntezemolo.

    Altro che telefonata inormativa!