13
Mag
Ieri in occasione del FamilyDay una associazione di omosessuali ha acquistato una intera pagina su Repubblica titolando “Anche Gay è famiglia”. La prima riga del comunicato recita:

“In Italia il 10% circa della popolazione è omosessuale”

Sempre ieri alcuni ricercatori di Google hanno annunciato che circa il 10% delle pagine web analizzate in uno studio che ne comprendeva 4 milioni, contenevano codice “maligno”.

Ora mi aspetto che L’Osservatore Romano ci faccia un bel titolone.

4 commenti a “NUMEROLOGIA”

  1. franco dice:

    Associando le due notizie mi vien da ridere… ripensando alla tendenza a sovrastimare le proprie truppe.

    Un mio caro amico, di parte, sostiene che gli omosessuali sono il 25 30% della popolazione e alle mie risposte che vanno da nemmeno a San Francisco a ti piacerebbe lui resta serio e convinto.

    Pezzotta che si dichiarava soddisfatto con 100.000 presenza ha sparato 1.500.000 presenze.

    Voglio i tornelli contapersone alle manifestazioni!

    C'è un popolo che per semplificazione, non perché sono scemi anzi sono saggi, quando superano un certo numero cinque o dieci usano il termine tanti.

    E allora: Quanti sono gli omosessuali? tanti, Quanti sono i cattolici? tanti, Quanti sono gli omosessuali cattolici? tanti.

    Quanti sono quelli che scrivono scemate sui blog degli altri come me? di più

    buona domenica a tutti

  2. funS dice:

    Il commento di Franco mi ricorda il libro "La collina dei conigli" dove nel loro linguaggio i conigli potevano contare fino a un certo numero e poi avevano una parola che voleva dire "tanti".

    Nelle manifestazioni sensazionalismo e trionfalismo sono concetti obbligati, da una parte e dall'altra: basta non crederci troppo.

    Non siamo mica conigli.

  3. Massimo Moruzzi dice:

    io ho l'occhiello…

    "Gli omosessuali corrompono la fibra della società  come codice maligno, lo dice anche Google"

  4. Riccardo Campaci dice:

    L'Osservatore Romano ha già  già  chiesto l'intercessione della Symantec, la quale ha raccomandando i fedeli di "aggiornarsi" regolarmente in chiesa.