27
Mar
Tagged e’ pessimo. Non usatelo.

I furbetti cominciano ad abbondare nel quartierino dell’Internèt 2. Sempre più spesso incontro siti che usano la funzione (comodissima, se usata bene) di importazione dei contatti di Gmail tramite API per forzare la viralità , anche contro le intenzioni dell’utente. L’unica cosa che ti preme è la viralità  del tuo servizio? Fai un bel sito 2.0 con un nome 2.0 e costringi il registrante a passare attraverso la procedura di invito ai contatti di mail, con un qualche trick non troppo evidente.

(via maestrinipercaso)

Tags:

5 commenti a “PASSAPAROLA”

  1. ste dice:

    Ho appena ricevuto una mail che personalià  confusa m'avrebbe tagged. Mi fido ciecamente del giudizio espresso qui.

  2. Feba (Francesca) dice:

    Io lo stesso… e quando ho capito cos'era successo mi sono affrettata a guardare cosa m'avesse combinato… ho immediatamente cancellato l'account. Davvero una pessima figura, per costoro.

  3. sasaki dice:

    bastava saltarla la procedura. è pessimo e fa schifo lo stesso… ma bastava saltarla. io ci sono cascato come una pera. colpa di personalità  e trentamarlboro :)

    s.

  4. Anna dice:

    Confermo in pieno il commento espresso in questo post, anche io sono stata incuriosita dalla piattaforma e sono cascata nel giochino dell'invito a tutti i miei contatti e poi mi sono affrettata a chiudere l'account. Per poi passare la serata a rispondere agli amici che mi scrivevano e dirgli che no, c'è stato un errore, non volevo mica, ignora quella mail…

  5. Smeerch dice:

    Averlo saputo prima… la sfiducia, a quanto pare, non è mai abbastanza.