Ieri pomeriggio sono stato a casa di Stefano Berti, vignaiolo a Ravaldino in Monte, ed ho provato per un paio d’ore l’ebbrezza della navigazione internet a 56k. Una emozione (peggio, un incubo) che non frequentavo ormai piu’ da molti anni.

4 commenti a “DIGITAL DIVIDE”

  1. SupPaMarCo dice:

    26 dicembre 2006. Fine dell'INCUBO.

    Dopo anni di lacrime, rabbia e malinconia, "Sua Maestà  Telecom" mi ha nominato titolare di una connessione 640 al prezzo di una da 2 mega. Mai dimenticherò l'emozione provata nel veder giungere il pandino Telecom rosso fiammante; non era trainato da delle renne…ma la magia respirata era la stessa. A ripensarci me ne vergogno…ma…ho pure abbracciato il tecnico Telecom. Ora sono felice, sorrido ^^. Sono uno dei pochi in paese ad essere stato raggiunto dal servizio e ancora oggi, a distanza di un mese, mentre giro per le vie del mio BELmaARRETRATOmaBEL paesino, mi pare di udire voci sussurrare: "Guarda, quello è il ragazzo raggiunto dall'ADSL…"

    Quante Opportunità  Perse…

  2. ste dice:

    Ha anche i suoi vantaggi, siamo lontani da tanti podcast e videucci da vedere, la famosa quietà  di campagna. Io non mi lamento. Ma la domanda è: che cavolo vai a girare due ore su internet in un posto cosi bello invece di stare all'aria aperta ;-)

  3. Pao dice:

    56k (33k in upload)…esperienza che si può provare anche in centro Milano… basta passare ad altro operatore (mmmmmm diciamo per sbaglio, ma in realtà  può farlo, a voce, chiunque conosca il tuo codicefiscale) e, ravveduti, disdire entro i termini (8 giorni SOLARI). La tua cara ADSL viene assegnata in 2 giorni al 'nuovo' ISP. poi basta aspettare 30+10 giorni. Però nel frattempo scopri cos'è il digitaldivide e … quante reti WiFi hai vicino.

  4. Stefano Berti dice:

    Massimo a Ravaldino in Monte è anche noto come "quello che carica le foto su Flickr"