Nemmeno sui cognomi dei nostri figli si doveva poter scegliere.

(via repubblica.it)

Tags: ,

11 commenti a “IL GOVERNO DELLE REGOLE”

  1. Emanuele dice:

    non mi è chiaro il tuo commento, sei d'accordo o no con la questa modifica legislativa?

    ps. complimenti per la interessante partecipazione a Radio Città  del Capo di stamattina.

  2. xarface dice:

    a me non è chiara una parte del progetto: se si mettesse il cognome di entrambi i genitori, si avrebbe, alla generazione successiva, il doppio cognome e poi quadruplo e via così, esponenziale…

    in capo a qualche decina d'anni gli unici nomi gestibili sarebbero quelli dei figli di NN…

    vabbè, la cazzata quotidiana oggi l'ho sparata qui

  3. P.G. dice:

    A me 'sta faccenda di scegliere il cognome mi sembra una cosa completamente insulsa.

  4. massimo mantellini dice:

    Emanuele io credo sarebbe giusto lasciare la liberta di scelta ai genitori senza imporre al limite (come voleva la Bindi) entrambi i cognomi…che e' poi la posizione presa dalla commissione.

  5. Emanuele dice:

    Massimo,

    allora concordo.

    Non si capisce però se poi il figlio avrà  potere di usarne uno solo (nel caso dei due cognomi, ovviamente)

  6. Giancarlo dice:

    In linea di pricipio è giusto, in pratica mi immagino già  i casi in cui i genitori non si mettono d'accordo: altro lavoro per gli avvocati.

  7. yorker dice:

    Se la norma finale sarà  allineata agli altri paesi europei, in caso di mancato accordo verrà  dato il nome del padre Per evitare cognomi kilometrici alle generazioni successive toccherà , al massimo, il primo cognome del padre e il primo della madre.

  8. Gabriella dice:

    Yorker,

    e qual è il "primo"? quello della madre della madre o del padre della madre?

    ehehehe

  9. yorker dice:

    Generalmente il primo cognome è quello del padre. Restando in argomento, il capriccio della Bindi era assurdo, e altrettanto assurde sono state le dichiarazioni di Castelli che ha parlato di Governo sconfitto. Ma ormai gira così: la sostanza delle leggi non ha più importanza, si cerca solo il minimo appiglio per polemizzare.

  10. Stelivo dice:

    A volte, rischiamo di perdere il contatto con la realtà . Mi piacerebbe vedere da qui a 30 anni (ma non ci sarò, ahimè…) come gestiremo i cognomi chilometrici che deriveranno dalla creatività  genitoriale.

    Se discutere di questi temi vuol dire essere la patria del Diritto….

  11. momin dice:

    In Spagna questa storia dei doppi cogomi sopravvive da secoli, senza grossi problemi, e qualcuno qui ne prevede fra soli trent'anni…