Io devo dire che piu’ passano gli anni e piu’ mi piace incontare le facce della gente che ho conosciuto in rete. Fra ieri e oggi a Milano ne ho incontrate molte. Ieri sera a cena (drammatica cena giapponese in elegante ristorante del centro con gelato finale al wasabi) lunga chiaccherata con Paolo Barberis, Franco Carlini, Chiara e Barbara di Dada. Oggi alla mega convenscion di Dada (dopo la discussione nella tavola rotonda con l’amministratore delegato di RCS e gli altri) ho fatto quattro chiacchere con Antonio Santangelo, Roberto Dadda, Marco Palombi (al quale va un mio saluto speciale, lui sa perche’) e Alberto D’Ottavi. Pranzo veloce (in piedi) con Mafe e Mauro Lupi. Poi Luca Lizzieri, Christian Fusi e molti altri. Poi 5 ore di treno (che oggi a Lodi e’ successo un casino) ed ora, finalmente a casa. Rimando a domani tutto il resto che ora e’ tardi.

Tags:

10 commenti a “UN BLOG UNA FACCIA”

  1. LockOne dice:

    c'erano tutti tranne ciaofabio :-|

  2. Joe Tempesta dice:

    Ma i tramezzini, i tramezzini c'erano?

    :-D

  3. Cirio Pelati dice:

    E, divagazione… Che cazzo parlate di Web 2.0 se ancora avete bisogno di tirarvela andando di persona a un convegno, tanto per farvi vedere, mangiare i tramezzini, e potervene vantare del tipo "ce l'ho piu' lungo io"? O, peggio ancora, censurate gli interventi sui vostri blog? O, ancora molto peggio, invitate tutti a iscrivervi a una lista di discussione (Dmin) dove in realta' sono ammesse solo le persone "amiche"…. O il Mante mi cnesura i commenti….

    Questo mi sembra veramente ridicolo.

    Fino a qualche tempo fa pensavo che fossero i blog italiani a essere immaturi, troppo selfish. Il blog in generale, pensavo, e' uno strumento con difetti strutturali, incapace di generare comunita'. Adesso mi e' tornato il vecchio dubbio che piu' che lo strumento, in molti casi, contino ancora le persone. E forse sono le persone che sono rimaste alla fase 0.9, non i blog o quant'altro.

    Io, personalmente, preferisco comunicare su blog, da Fuggetta, a Quintarelli, a qui, ai Maestrini, piuttosto che smarronarmi e uscire per fare quattro isolati e andare a vedere Mante e Carlini a Milano. Tanto, che hanno detto? A leggere D'Ottavi e altri commenti, Mante e' stato muto, gli altri hanno detto poco, e l'unico divertente e' stato Elio.

    Ma viva l'on line, allora, che non perdiamo tempo in quello che Desmond Morris chiama spulciamento.

    Bye, Ermenegildo.

  4. Pippi Calzelunghe dice:

    Io amo la Rete perche' in Rete si lavora meglio e molto piu' in fretta.

    Come sogna sempre Caravita? Niente piu' macchine, inquinamento, trasporti intasati… si fa tutto in Rete. Non succedera' mai, non nel nostro tempo, di certo non in Italia, ma condivido il suo sogno.

    E la sindrome del tramezzino l'ho superata anni fa. Dal 1995, non partecipo piu' a convegni, se non come spettatore e di nascosto, cosa che del resto ormai sanno tutti, e vado alle conferenze stampa solo se e' indispensabile.

    Vedi Dmin.it…. c'era un meeting a Roma in questi giorni. Quintarelli mi aveva invitato. Ma perche' andarci? Mica sono ancora alla fase "Mante", o "Valdepanin", io. A me interessa discutere, non ho bisogno di esserci e di mangiare tramezzini.

    Della questione Net Neutrality avevo gia' discusso con Fuggetta e poco dopo con Quintarelli. On line, certo. Botta e risposta rapida, nessun consumo di mezzi di trasporto, zero tempi morti. Emissione di gas di scarico, zero.

    Dopodiche' (anzi, un mesetto prima, ma non importa) ne ho "scritto" due volte per la Radio svizzera, in onda la scorsa settimana e poi ieri l'altro.

    Non basta? C'e' una lista di discussione, di Dmin.it. Sopravvoliamo sul fatto che due miei tentativi di iscrizione sono falliti, ma adesso sono iscritto, dopo gentile intercessione di Quintarelli.

    Btw, sopravvoliamo anche sul fatto che non sono mai riuscito a scrivere sul blog di Fuggetta se non inviandogli privatamente tutti i miei interventi, uno per uno, come alle elementari, e modificandoli secondo sue indicazioni quando non gli andavano a genio….

    (continua sotto…..)

  5. massimo mantellini dice:

    Fabio,

    coem sai accetto ogni tua solita idiozia. Ma non dire che ti censuro i commenti che e' una idiozia che travalica il tuo gia' straordinario standard. I commenti di questo blog non sono moderati (quasi mai per lo meno e quando lo faccio in genere lo dico). Esiste invece un filtro antispam di Rateyourmusic che non dipende da me e che va un po' come gli pare (talvolta impedisce la pubblicazione anche ai miei commenti) e so che a qualche commentatore ogni tanto capita di incapparci. Ho scritto al gestore ma non posso farci molto. Grazie

  6. Fabio Metitieri dice:

    Mante, non e' il caso di essere nervoso. Che hai messo un limite al numero dei miei interventi lo hai detto tu.

    Quanto all'antispam "cattivo", come ho gia' detto ad altri, cambialo. Io non terrei mai un antispam che mi cestina le email di lavoro, e nel caso controllo il cestino e le recupero subito.

    Ciao, Fabio Ubiquitous 5.0

    P.S.: ma come hai fatto a capire che ero io? Asssstuto…

  7. Maurizio Benzi dice:

    Fabio Ubiquitous 5.0

    sssssspiritoso… :-|

  8. Fabio Metitieri dice:

    Ah, Benzi, era tuo, l'Ubiquitous? Perche' non mi ricordavo piu' su che blog l'avevo letto.

    In effetti, anche questo e' un termine del tutto nuovo, perche' di Rete anywhere, anytime e with any device si parla da non piu' di 6-7 anni.

    Per cui, in previsione che capiti, prima o poi, e chesso', un giorno si possa navigare con un Pda con Wi Fi, io con il nick sono gia' pronto.

    Ciao, Fabio Ubiquitous 5.0

  9. Maurizio Benzi dice:

    Ahaha…si, si però caro Fabio 10.0, la tua percezione dell'evoluzione è alquanto strana…

    Siamo nel 2006 e si è smesso di parlarne e basta e si sta facendo qualcosa. Il WiMax e sistemi come Fon sono realtà  (anche se limitate).

    La questione è che si deve decidere ora cosa fare. Liberali i canali che utilizza la Difesa? Oppure quelli del DDT? Oppure non fare nulla?

    Scusa, ma quello che succederà  nel 2012 lo si sta decidendo adesso. Non 6 anni fa.

  10. Fabio Metitieri dice:

    Si', infatti, Benzi, sono idee del tutto nuove, come quelle del Web 2.0, e io ci tengo a essere up to date. Di reti casalinghe wireless per la condivisione degli accessi ne scrivevo non piu' di 6 anni fa.

    Btw, come ha fatto notare anche Punto Informatico a Mante, Fon in Italia e' illegale.

    Ciao, Fabio Ubiquitous 5.0