04
Ott
E’ normale che un Ministro della Repubblica dica pubblicamente di un altro Ministro della Repubblica che questi “gli ha rotto i coglioni”?

8 commenti a “REALITY SHOW”

  1. Alessandro Longo dice:

    Ha detto solo "mi sono rotto i coglioni", nel testo da te linkato.

  2. Antonio dice:

    E' normale che un ministro della Repubblica A) si occupi primariamente della materia di competenza di un suo collega invece che delle attività  del suo dicastero B) faccia propaganda e ostruzionismo da opposizione senza dimettersi (disgraziato quanto si vuole ma Bertinotti a suo tempo si era comportato con altro senso della dignità ) C) non mediando con la sua maggioranza per ottenere progressi verso le sue posizioni (o magari più semplicemente non sapendolo fare, perché inetto al compito) affondi completamente le iniziative concordate senza proporre un'alternativa?

    Secondo me è un demente, poi non credo che glielo direi in pubblico se chiamato a qualche incarico di responsabilitò, ma in qualche modo il concetto deve filtrare.

  3. Paolo Gagliardi dice:

    Tanto poi queste piccole spese le paghiamo noi con la nuova finanziaria…

  4. p.s.v. dice:

    ammesso che avesse pure ragione, mi chiedo se fossimo noi a dirglielo. Chissà  che bello, che soddisfazione. ma chissà  a quante grane andremmo incontro

  5. unoalgiorno dice:

    Io mi interesso poco di politica, e probabilmente non ci capisco granchè. Penso però che i nostri ministri e politici facciano fare una pessima figura all'Italia. Sempre a beccarsi, mai a risolvere.

  6. Pier Luigi Tolardo dice:

    Per anni Di Pietro si è fatto portavoce degli interessi e dei problemi dei magistrati, anche troppo, ora che tocca a Mastella, con una maggioranza pratixcamente inesistente al Senato, sbrogliare la matassa, già  molto complicata tra scioperi degli avvocati e dei magistrati, Di Pietro, incomprensibilmente, si mette di traverso e qui non ci sono le motivazioni etico-politiche del No all'indulto. A questo punto Mastella sarà  meridionale, ex dc, portato al compromesso e alla mediazione e alla moderazione sempre, pacioso e leggero ma non gli possiamo chiedere di farsi santo, c'è un limite a tutto.

  7. baraonda dice:

    ciao . Sinceramente Mastella alla giustizia è uno smacco per la sinistra italiana. Basta avere un pò di buon senso per capire che la scelta di prodi è stata condizionata da un discorso di maggioranza risicatissima. Cmq la stessa domanda noi di baraonda l'avevamo rivolta al Ministro Di Pietro qualche giorno fa in merito ad un intervista eseguita da me.

    il link è :http://www.baraondablog.it/antonio/di/pietro/intervista/redazione/baraonda/baraonda-intervista-antonio-pietro.htm

  8. Maurizio Benzi dice:

    "non gli possiamo chiedere di farsi santo"

    E no, certo, povero Clemente…

    Adesso è Mastella la vittima?

    Prima Zidane, poi Tronchetti e oplà , la percezione della realtà  viene ribaltata… bah!