Neanche mi ricordavo di Airfix, fabbrica inglese di aereomodellini della mia infanzia. Oggi Enrico Franceschini su Repubblica ci comunica che l’azienda chiude. E mi spiace. Grazie a Airfix capii fin dalla piu’ tenera eta’ che il mio talento di bricoleur era vicinissimo allo zero. Sempre su Repubblica di oggi si stigmatizza come gli investigatori di Brescia abbiano frugato nel computer dell’inviato Carlo Bonini sebbene questi fosse stato convocato come testimone in relazione all’invio di un unico allegato ad un’altra giornalista di Repubblica. Tutto molto giusto. Anche se e’ cio’ che avviene regolarmente in questo paese ogni qualvolta la magistratura indaga su vicende informatiche (anzi di solito di fa copia dell’HD e via). Poi oggi accade a Repubblica e della violazione della privacy informatica e della gravita’ di simili comportamenti se ne accorgono finalmente anche i giornalisti.

Un commento a “AIRFIX E PRIVACY”

  1. Enrico Bianchessi dice:

    Airfix.. che flashback ! Ma quanti ne ho montati di modellini di aerei ! Che passione.. se avevo qualcosa nel salvadanaio era subito una corsa in via Battistotti Sassi (Milano) dove c'era un grande negozio di modellismo (non ricordo il nome) e lì un lungo e intenso processo di scelta… Grazie Massimo, ogni tanto un po' di commozione per il passato (remoto) e le sue passioni non guasta. Se ne va un pezzettino della mia infanzia….