18
Mag
“…forse e’ utile ricordare da subito che esiste nell’elettorato del centro sinistra un’ipersensibilita’ accertata su almeno due questioni: la prima e’ l’idiosincrasia per la litigiosita’, lo spirito di divisione. La seconda e’ il desiderio, molto avvertito, che il Paese torni a forme piu’ rispettose, se possibile perfino piu’ educate, di relazione della politica coi cittadini, con i loro problemi, con le loro aspettative. Urgerebbe un cambiamento di metodo: dichiarare al primo giorno di governo che si abbattera’ un ponte per altro mai costruito, oppure licenziare il direttore del TG1 con una dichiarazione d’agenzia, non sembra una gran novita’. Sembra solo il calco, al negativo, della foto del vecchio governo”

(Michele Serra su Repubblica oggi)

4 commenti a “SOTTOSCRIVO”

  1. Luigi dice:

    Sarebbe sufficiente leggere "Regime" di Marco Travaglio per leggere il curriculum di Mimun e capire le motivazioni di una simile frase (che non conoscevo, apprendo su questo blog, ma condivido a pieno).

    Complimenti come sempre a te Massimo,

    un lettore "feed-ato". ;)

  2. Marco Massoli dice:

    Sono d'accordo, Mimun è di molto indecente e non vedo perchè non si dovrebbe dire.

    Un po' di pulizia nella RAI mi sembra il minimo.

  3. Fabrizio dice:

    Mah, sulla RAI vorrei far notare che le elezioni (politiche e amministrative) negli ultimi 15 anni sono sempre state vinte da quelli che non "governavano" la RAI.

    Magari un motivo ci sarà . Io proporrei il colpo di teatro: lasciare la RAI con l'attuale dirigenza…

  4. Antonio dice:

    Io sta società  educata, pronta al dialogo, allergica al litigio, posata e razionale la vedo solo nella testa di Serra e dei suoi colleghi editorialisti.

    Solo un errore di valutazione? Un errore non da poco però: perché se uno vuole raddrizzare una situazione ingarbugliata e se la prefigura in modo del tutto irreale rischia di sbattere il muso a ripetizione nei suoi tentativi.

    In altre parole in questa flemma sostenuta che si vorrebbe come soluzione per un paese sbracato e sudato ci leggo una buona quantità  di ingenuità  e moralismo. Chi veramente si troverà  a mettere mano ai problemi dovrà  ungersi di grasso come gli schizzinosi Serra di tutta la penisola neanche lontanamente si sognano di fare.

    p.s. Mimun e Vespa via al più presto, attraverso la nomina di un nuovo presidente dell'azienda capace e autonomo chiaramente, ma alle indecenze si ovvi con urgenza, allo stesso modo con cui lo si fa coi conti pubblici. Poi si potrà  con calma mettere mano alla riforma del sistema radiotelevisivo con tutto il tempo necessario.