Piero Paolo Rimonti, il capo di Samsung Italia (un signore in grado di farsi fotografare sorridente, vestito da maggiordomo con un LCD che esce dalla giacca) concede a Panorama una intervista altrettanto spettacolare sul successo prossimo venturo della TV su cellulare. Qualcuno dovrebbe magari fargliela rileggere fra un paio d’anni.

“Per noi italiani sarà  un boom, una moda, una febbre: come le radioline a transistor negli anni Sessanta. In Corea il nuovo servizio ha rivoluzionato il consumo di programmi televisivi”

2 commenti a “PUNTI DI RIFERIMENTO COREANI”

  1. Fabrizio dice:

    Quell'uso della parola terminali è fantastico…

  2. Maurizio Goetz dice:

    Il punto interrogativo non è la tv sul cellulare in quanto tale, ma quali contenuti verranno resi disponibili. Di questo si parla molto poco.