Il sobrio parere di Giampaolo Pansa sul novello presidente della Camera Bertinotti.

“Un logorroico imbattibile. Un vanitoso. Un egocentrico. Un cultore del birignao, la sua specialita’: quella dizione viziata dalle erre arrotate, che ci gratta il cervello in tutti i telegiornali. Un costruttore infaticabile di bastoni fra le ruote. Un superficiale incompetente. E infine uno convinto che questa Italia in difficolta’ sia uguale a un comitato politico del suo partito, dove i guai, si allontanano parlando, parlando, parlando.”

(dal Bestiario de L’Espresso in edicola)

7 commenti a “PARTITO ANTI ERRE MOSCIA”

  1. alessandro dice:

    che bello vedere queste analisi approfondite…. nulla sulla s e z bolognese di casini invece???

    eddai che c'e' la svolta

  2. Pier Luigi Tolardo dice:

    Sarebbe più credibile questa stroncatura di Bertinotti, "Il Parolaio Rosso", se non venisse da Pansa che critica sempre la sinistra per demonizzare troppo Berlusconi…..che è perfino più logorroico, vanesio ed inconcludente di Bertinotti, che, comunque, ha realizzato il suo sogno di presiedere una Camera, cosa abbastanza formale e non si sogna di governare il Paese a vita come vorrebbe fare il Cavaliere.

  3. Luciano dice:

    Pansa ha ragione. Ho conosciuto personamente Bertinotti, che a mio avviso, rimane il più grande errore compiuto dai servizi segreti italiani che dovevano toglierlo di mezzo prima che riuscisse a far cadere il governo Prodi nel 1997. Da quel momento, si è aperta la strada per Forza italia e lo psyco-midget.

  4. egine dice:

    mi piace soprattutto quel "infaticabile costruttore di bastoni fra le ruote" come dargli torto.

  5. Massimiliano dice:

    Ultimamente ho comprato quattro numeri dell'Espresso per prendermi i fumetti di Pazienza, troppo costosi in libreria. Di certo non mi passava per la mente di comprarlo di nuovo, ma adesso ho una ragione in più per non farlo!

  6. vedicam dice:

    Questa è per Bertinotti l'ultima chance per essere considerato credibile. Di sicuro D'Alema col suo passo indietro ha riguadagnato i punti persi quando a capo del Governo non fece nulla per risolvere il conflitto d'interessi. E anche Diliberto ha guadagnato molti punti tirandosi fuori dalla bagarre per le poltrone. Speriamo che nel caso di Fausto la vecchiaia porti anche un po' di saggezza.

  7. zot! dice:

    Basta così poco per riguadagnarsi i punti persi per aver lasciato l'Italia nelle mani di Berlusconi per 5 lunghissimi anni?