Pare che a Repubblica abbiano soldi da buttare.

p.s. meravigliato dalle specifiche citate da Massimo Russo nell’articolo secondo il quale “Le batterie durano mesi” ho dato una occhiata ai dati tecnici di Iliad sul sito del produttore:

“The ER 0 100 is a very low power mobile device, specifically designed for reading applications. The operating time of the rechargeable battery is more than a week without recharging, based on average use of three hours reading a day”

12 commenti a “E-BOOK RELOADED”

  1. No dice:

    Perché soldi da buttare? L'e-ink è il futuro, è un buon segno che finalmente qualcosa si muova.

  2. esaù dice:

    Beh, quel che c'è scritto sul sito Iliad non mi sembra contraddire Massimo Russo. Lui dice che le batterie durano mesi, nel sito c'è scritto che durano una settimana, ma sono ricaricabili: dunque, queste ricaricabili posso avere mesi di vita, per quanto ne sappiamo. O no?

  3. Fabio Metitieri dice:

    Queste strutture rigide sono destinate a morire a breve, vanno bene giusto per tastare (malamente) i gusti degli utenti. Del resto, son cose in circolazione da anni.

    Ci sono gia' i prototipi – visto in Tv l'altro giorno – a scatoletta che si apre a scorrimento, con schermo che si estrae e che rientra. Che poi e' la vera novita', il grande pregio di questi lettori rispetto agli e-book di una volta: la flessibilita'.

    Il passo successivo, lo si dice da anni, sara' l'integrazione di queste cose nei cellulari. E allora, sul serio, se avranno prezzi non astronomici e memorie adeguate, prenderanno piede.

    Ciao, Fabio.

  4. maddalena dice:

    e quanto ci costerebbe, alla fine, leggere il giornale?

  5. massimo mantellini dice:

    ahh maddalena, saperlo…;)

  6. ludo dice:

    Massimo, ho appena pubblicato un commento al tuo post, era troppo lungo per scriverlo qui.

  7. P.G. dice:

    Il futuro è di apparecchi mobili molto più simili all'odierno cellulare, che a questo orrendo coso simil-palmare.

  8. Anonimo dice:

    Soldi da buttare?

    Basta pensare ai milioni di euri a_fondo_perduto che lo stato versa annualmente alla stampa, e i conti tornano ;-)

  9. .mau. dice:

    più di una settimana con tre ore al giorno significa 24 ore di uso continuativo. Considerando il tempo di lettura medio di un giornale da parte dell'italiano tipo (20 minuti) e trascurando in prima approssimazione la perdita di carica di una batteria col tempo, escono fuori 72 giorni, che sono "mesi".

    Tutto torna.

  10. massimo mantellini dice:

    quindi in prima approssimazione anche la batteria del mio cellulare (che io uso pochissim) dura "settimane"….dai mau ;)

  11. .mau. dice:

    mamma mia, va a finire che ha ragione CiaoFabio, che qua non si può nemmeno più fare una battuta! :-)

  12. antonio dice:

    già  tecnologia troppo rigida e poco portabile come dice Metitieri, ma la sperimentazione la accolgo favorevolmente, se servirà  a pensare nuovi modelli di distribuzione alternativi al cartaceo