Per tutta la giornata i siti web informativi italiani hanno dato ampio risalto alla notizia del rapimento di una giornalista americana a Baghdad. E’ abbastanza curioso che nessuno dei principali siti web americani (ma nemmeno BBC o Le Monde) dia alcun credito alla notizia. Nemmeno il giornale per cui la rapita scrive.

4 commenti a “SCOOP ITALIANI”

  1. Carlo Felice dice:

    E' vero che la maggior parte della stampa anglosassone è tradizionalmente prudentissima, in casi delicati e non verificati nei dettagli come questi (ancor di più dopo la figuraccia collettiva fatta con la tragedia dei minatori in Virginia).

    E' vero, invece, che non è raro che la stampa italiana si butti sulla notizia con la volontà  di bruciare il concorrente prima che con il desiderio di dare un'informazione completa e corretta.

    Però qualcuno in America ha comunque rilanciato la notizia: ecco la Reuters di ieri mattina ripresa dal New York Times (correttamente senza nome, visto che per ora il nome è una probabilità  e non una certezza).

    Non ho fatto una ricerca completa e potrei comunque aver beccato gli unici che finora l'hanno data fuori d'Italia…

    Vediamo stamattina… ;-)

  2. Gianni Amato dice:

    Concordo con Carlo riguardo al fatto che per la stampa italiana è una corsa alla news a prescindere dai contenuti, basta che sia un'anteprima. Ma come ci fa notare Massimo, il giornale per cui scrive la rapita non si è degnato di buttare giù due righe sulla loro reporter. Un pò di buon senso non fa mai male, che poi lasciando perdere il buon senso io lo chiamerei RISPETTO e GRATITUDINE!

  3. Lunar dice:

    eccola la notizia, è arrivata anche in america…

    http://www.csmonitor.com/2006/0110/p01s04-woiq.html

  4. stamparassegnata dice:

    non è questione di credito. Come spiegava ampiamente liberation l'altro giorno, la notizia non è stata diffusa su richiesta dei familiari e del governo per evitare di mettere in pericolo la vita dell'ostaggio, di cui si sapeva da subito tutto. All'embargo hanno aderito praticamente tutti, tranne i cinesi. Qualche sito sparso americano ha messo in rete la notizia e poi l'ha ritirata. E come spiegava Libé, riferendosi tra l'altro al caso Sgrena (ampiamente pubblicizzato) e al caso Baldoni (molto meno), questo è un metodo criticabile dal pdv giornalistico e peraltro non di sicura efficacia nei confronti dell'ostaggio