Om Malik inserisce dei bei banner grafici dentro il suo feed RSS. Dopo circa 5 secondi eccolo gia’ fuori dal mio aggregatore.

7 commenti a “SELEZIONE NATURALE”

  1. Alessandro Longo dice:

    La verità  è che sei un intollerante:))

    Come fanno questi poveri blogger a guadagnare?:)

  2. Giorgio Baresi dice:

    Concordo anch'io sulla tua eccessiva intolleranza ;-)

  3. Maurizio Goetz dice:

    Che ipocrisia, si vogliono i contenuti di qualità  e non li vuole pagare, la pubblicità  neanche a sentirne parlare. Se poi i contenuti sono gratis ma scadenti ci si lamenta. La professionalità  costa e in qualche modo va pagata. Vale per internet, vale per i convegni, vale per tutto.

  4. Luca Conti dice:

    Massimo,

    Repubblica la segui? Eppure ha i banner, no? Certo si possono rimuovere…ma se usi l'aggregatore giusto si possono rimuovere anche i banner dai feed.

    Penso invece che, se il contenuto del feed è incompleto, mettere la pubblicità  per due righe di informazione è fastidioso. Gawker Media offre feed completi con pubblicità  o feed incompleti senza.

    Se potessi scegliere, questa formula ti appagherebbe? Se non ti appagasse, finirei per il pensare che tu sia intollerante (amichevolmente) come dicono i tre che mi hanno preceduto :)

    ciao!

  5. luciano giustini dice:

    decisione affrettata, Massimo: era uno "snafu":

    My Big RSS-Ads Snafu

    Posted in Announcements

    Last night I accidentally replaced my RSS template with a file that was for a test I was running for ad-insertion in my site’s RSS feed. It meant that all new posts had ads inserted in them, and well, a lot of you had an absolute right to be angry.

    I would like to apologize for the snafu, and to all of those who had to deal with what was my bone-headed move. Original plan was to insert an ad in any post that was over 400 words, and since there aren’t too many of those, it meant you wouldn’t be bombarded with the ads.

    I am seeking your feedback on if the 400-word posts with an ad is a good/bad/dumb idea, and please leave your thoughts in the comments section. It is only with your approval, something like that would happen.

    And once again, my sincere and heart felt apologies for the snafu.

  6. sergio maistrello dice:

    mi stupiscono un po' tutte queste aperture alla pubblicità , indipendentemente dal caso specifico. così come l'ostinazione a ragionare sull'equivalenza "pubbliclità =gratis" e via dicendo. buon per voi, però io no. secondo me è l'ora di fare alcuni passi indietro: se un servizio diventa ricatto, c'è qualcosa che non funziona più tanto bene. e ognuno di noi, con le sue scelte, può contribuire ad arginare la degenerazione del marketing. sul tema, dunque, io appoggio in pieno l'intolleranza di massimo.

  7. Frangino dice:

    Un blog non è proprio un servizio, se non altro lo spirito con cui viene creato è diverso. L'alternativa è fare come Kottke?