12
Dic

L’imbecille che fa il saluto romano in campo non sarebbe nulla se sugli spalti non ci fosse gente messa cosi’.

(via corriere.it)

17 commenti a “MEMORIA CORTA”

  1. PIETRO dice:

    Quello che mi lascia perplesso però, non è il fatto che ci sia qualcuno che si esalta per una fazione politica od un altra, quanto che entrambi si richiamino a ideologie ammuffite vecchie di un secolo , che nessuna persona dotata di un minimo di cervello puo pensare applicabili ad una società  completamente diversa da quella degli inizi del secolo scorso. A questo punto per quanto si sia dimostrato un uomo di governo di scarse capacità  e si sia circondato di inutili leccapiedi è sicuramente piu rispettabile Berlusconi, che perlomeno vive nel presente.

  2. Antani dice:

    Per ricordarsi una cosa è necessario, un tempo, averla saputa.

  3. palmasco dice:

    Chissà  se "PIETRO" qui sotto, crede davvero di essere una persona ragionevole, uno di quei tranquilli moderati che possono scrivere seriamente "quello che mi lascia perplesso", o se si è accorto di avere misurato la rispettabilità  di un presidente del consiglio su quella di un calciatore, per giunta fascista e violento (11 giornate di squalifica in Inghilterra per aggressione all'arbitro), come se fosse del tutto normale fare paragoni del genere.

    Chissà  se i bravi pietro si rendono conto che un fascista che saluta da fascista la curva nazista non è fuori dal tempo, come vorrebbero credere per comodità , ma è invece un segno di questi tempi.

    Un saluto, palmasco

  4. pakistano dice:

    se il presente è fatto di gente inebetita per il calcio e di una politica di qualità  scadente e mai realmente appassionante, allora rimpiango il passato.

  5. Massimo Moruzzi dice:

    sì, anch'io preferisco il silvio a un capocurva. solo che in un paese normale sarebbero entrambi in prigione…

  6. francesco dice:

    Scusa Pietro, che cosa c'entra Berlusconi con il saluto fascista del calciatore e l'ideologia rossa dei tifosi livornesi? Piove governo ladro?

  7. Anonimo dice:

    A parte che di imbecilli in giro ce ne sono parecchi, comunque non mi sembra rispettoso del "principio di uguaglianza", che dovrebbe regnare sovrano nella legge italiana, considerare reato il saluto romano e lecito il pugno chiuso.

  8. Stefano dice:

    Probabilmente il posizionare la curva laziale a sinistra e quella livornese a destra è una circostanza non voluta, sintomo comunque del tentativo di equiparare le due diverse manifestazioni.

    Sta di fatto che da un lato si vìola una legge dello stato e dall'altro no. Con buona pace del nostro amico qui sotto

  9. delio dice:

    sì, massimo, anch'io non ho ben capito l'accostamento tra le svastiche e i cheguevara. non mi sembra che che guevara abbia mai ammazzato sei milioni di persone.

  10. palmasco dice:

    Mi spiace occupare i commenti più di una volta e mi dispiace essere pedante, ma è proprio lampante che certe cose vanno ripetute.

    Ancora e ancora.

    Il nostro piccolo sprovveduto qui sotto, così pronto a scovare imbecilli dove invece le intenzioni sono chiarissime, forse non sa che il saluto romano è stato imposto a un intero popolo per legge, quindi (il saluto) è diventato tutt'uno con un regime che ha imposto la guerra e le persecuzioni razziali, con le conseguenze di povertà  e sofferenza che sono venute alla maggior parte di italiani.

    Per questo motivo il regime è stato giudicato criminale insieme al saluto che aveva creduto di potere imporre, giudicato criminale dal popolo italiano e rifiutato per legge fino a qualche anno fa, diciamo subito prima di Berlusconi e Fini al potere, quando le leggi hanno smesso di avere senso, e anche dalla nostra storia – come speriamo continuerà  ad essere quando ci saremo sbarazzati dei due.

    Il pugno chiuso invece, per quanto possa sembrare incredibile agli sprovveduti, se si può associare ad un regime, e sarebbe difficile dimostrarlo perché molto spesso il pugno chiuso ha distinto anche e soprattutto quelli che i regimi li hanno combattuti davvero, non è stato imposto da alcuna legge, ma adottato liberamente e perfino con entusiasmo dalle persone più diverse e nelle circostanze più diverse.

    Una differenza non da poco.

    Qualsiasi accostamento ai fascisti, per di più imbecilli come purtroppo li chiama lo stesso piccolo sprovveduto qui sotto, è quindi del tutto improponibile.

    Fattene una ragione.

    Un saluto, palmasco

  11. delio dice:

    aggiungo che il principio di uguaglianza enunciato nel commento n.7 è ben strano; a questo, mi pare lampante che per lo stesso principio di uguaglianza lo stato non dovrebbe fare discriminazioni tra partiti democratici e movimenti che tentano di organizzare colpi di stato; o fra gruppi antirazzisti e gruppi razzisti; o piຠin generale tra persone per bene e stronzoni.

  12. PIETRO dice:

    Forse palmasco non considera una cosa, che la maggior parte delle persone che utilizzano il pugno chiuso come saluto sono anche orgogliose di considerarsi comunisti, e dato che perlomeno nella sua versione cinese durante la rivoluzione culturale il comunismo ha fatto altrettanti morti di Hitler non vedo una grande distanza tra le 2 fazioni.

    Rimango sempre del'idea che comunisti e fascisti sono un ridicolo residuo del passato.

    Possono essere pericolosi perchè gli imbecilli in libertà  sono sempre pericolosi, ma segno di questi tempi non lo sono di sicuro.

  13. cd dice:

    Beh, palmasco, se dobbiamo misurare la rispettabilità  del nostro attuale presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, a quel punto probabilmente risulterebbe addirittura più rispettabile Di Canio. A parte che mi pare di ricordare affermazioni tipo "Noi dobbiamo essere consapevoli della superiorità  della nostra civiltà " da parte del premier non troppo distanti dal gesto di Di Canio, non parliamo poi degli stallieri mafiosi, etc etc etc (e ancora etc elevato molto !) …

  14. palmasco dice:

    Caro Pietro,

    è probabile che ti capiterà  di avvampare di vergogna per avere tirato in ballo milioni di cinesi morti, soltanto per difendere un giovane milionario in mutande che aizza la curva nazista.

    C'è una sproporzione tra fini e mezzi usati di gusto molto discutibile.

    Se poi l'hai fatto soltanto per rispondere a me, come pare, non per questo ti sembrerà  meno insensato, penso.

    @cd è proprio il contrario: io sono quello che non crede che si dovrebbero fare paragoni tra l'autorevolezza di un capo di stato e un calciatore.

    ciao, palmasco

  15. giuppo dice:

    per me si sta facendo un po troppo casino… Di Canio quando noi eravamo a studiare storia giocava a calcio nei campetti….che ne sa lui dei saluti :-)

  16. Anonimo dice:

    La solita spocchia sinistra.

    Tutto ciò che che non è a sinistra, è criminale, sporca, ladra, mafiosa, incompetente ecc.

    Provate a pensare ai vostri dirigenti che ricevevano compensi (a vagonate) dalla Unione Sovietica, he del pugno chiuso ne facevano una bandiera, per tradire i propri concittadini.

    Per coloro che sostengono sia una falsità , ci spieghino come mai, una volta chiusi i rubinetti di tanta cuccagna, sono stati sommersi da debiti, tanto da doversi vendere anche le mutande (vedi botteghe oscure).

  17. Anonimo dice:

    andate tutti a farvi un giro