17
Nov
Dice il Corriere che da gennaio ci saranno i bollini SIAE sopra le fotocopie.

19 commenti a “POVERA ITALIA”

  1. Davide dice:

    Stando ai regolamenti SIAE si dovrebbe esporre il bollino SIAE anche sui lettori mp3…

  2. PlacidaSignora dice:

    Mah. Se, esempio, uno studente volesse fotocopiare parti o tutto un libro di testo, per aggirare la cosa non dovrà  fare altro che andare da un amico che ha il papà  libero professionista (avvocato, agente assicuratore, ing, dott, arch ecc) con tanto di fotocopiatrice in ufficio (ammesso che non abbia lui stesso un genitore con fotocopiatrice annessa

    ;-).

  3. eìo dice:

    posso dire una parolaccia nei suoi commenti, caro mantellini?

  4. naevus dice:

    io ho risolto il problema eliminando quasi totalmente la carta

  5. Massimo Moruzzi dice:

    dove posso comprare un bollino della c.i.a. (siae) da appiccicare sul mio nuovo ipod berlusconi ?

  6. stefano dice:

    Vi sbagliate, non dobbiamo più chiamarla SIAE ma……… SPECTRE , così potremo capire ciò che hanno in mente lorsignori…..james bond, dove sei?…..

  7. Giulio dice:

    Non è cosi facile fare quanto asserisce placida signora,è una via di "fuga" banale e può essere messa in atto solo da chi ha effettivamente fortuna di avere questo tipo di agganci.E non sono affatto tanti;le copisterie saranno le prime ad essere colpite,toccherà  anche alle biblioteche e a tutti quei servizi a terzi che comprendono riproduzione parziale e totale di diritti.Proprio per quest'ultima posso anche considerarmi favorevole all'imposizione del suddetto bollino,per quella parziale dovrebbero trovare una via di accordo meno restrittiva.

    S&iken

  8. mp dice:

    mi viene in mente la pubblicità  di sky con il ragioniere che ti segue sempre addebitandoti ogni cosa. se continua così tra qualche tempo ogni citazione fatta sbucherà  il tassametrò della siae.

  9. Gaspar dice:

    Mio figlio mi segnala che nel suo liceo la fotocopiatrice è l'apparecchio più utilizzato in assoluto. E' facile immaginare che, se bisogna pagare, non lo sarà  più. Non mi sembra una buona cosa (understatement).

  10. www.francesconardi.it dice:

    eggià , che tristezza!

  11. pruz dice:

    se si dovessero pagare tutti i libri all'università  ci potrebbero andare in 4.

  12. Maurizio Goetz dice:

    E se cominciassimo a tassare le cazzate? Il debito pubblico sarebbe completamente risanato in tre giorni.

  13. Uno dei tanti dice:

    Per me va bene così. Anzi, oserei dire "finalmente!". Non sarà  certo questa norma a frenare il diritto allo studio dei nostri ragazzi dato che, come fa notare più sotto Mitì, un genitore dotato di fotocopiatrice in ufficio è sufficiente ad aggirare le restrizioni, ma almeno ci sarà  un minimo di tutela in più per la proprietà  intellettuale di noi autori di testi scolastici.

  14. Domiziano Galia dice:

    2.0? Qua me pare che stamo a daungradà  a 0.2

  15. .mau. dice:

    Giusto per mettersi d'accordo sulle parole: a me "testi scolastici" fa pensare ai libri per le superiori. Mi state dicendo che vengono fotocopiati?

  16. PlacidaSignora dice:

    .mau: i testi universitari, spesso e volentieri.

  17. Davide dice:

    I testi universitari hanno spesso dei costi assurdi, il più delle volte non servono o servono in parte, bisogna aspettare secoli perchè le case editrici (spesso non dotate di sito con supporto e-commerce) te li spediscano.

    A me è capitato tante volte che fossero i professori a darci una copia originale del libro (a volte scritti da loro stessi) e a dirci di fare fotocopie: nella mia città  è anche capitata un retata della Guardia di Finanza nell'unica copisteria presente, multati tre studenti della mia facoltà  con 700 euro a testa (per un libro di 200 pagine, vi pare una giusta pena?).

    Ma è comunque tutta un farsa, la copisteria che c'è qui a Reggio Emilia è stata oggetto delle attenzioni della Guardia di Finanza più volte (non fanno ricevute fiscali, oltre tutto); è stata chiusa per alcune settimane, poi ha riaperto, ha fatto delle ricevute non fiscali (!) per una settimana e dopo hanno continuato a fare come prima.

    Per il fatto dei tre studenti la copisteria non ha ne chiuso, ne pagato multe.

    è un sistema marcio fino all'osso come tante cose in questo Paese, si vergognino coloro che si compiacciono di iniziative come quella del bollino.

    Vivete nel vostro passato fatto di gabelle e dazi.

  18. P.G. dice:

    Uhm, dunque. Calcolando 5 secondi a foglio per applicare il bollino, 100 fotocopie implicheranno, per la copisteria, un aumento del tempo di lavoro pari a circa 8 minuti.

    Considerando che una copisteria, ad es., in zona universitaria fotocopia migliaia di pagine al giorno, è evidente che dovranno rassegnarsi a chiudere bottega o raddoppiare i prezzi.

  19. gf dice:

    Sarà  possibile fotocopiare i bollini? Anche solo il 15% del bollino?