Taiwan si appresta a violare i brevetti di Hoffmann-Roche sul Tamiflu per proteggere la popolazione dall’influenza aviaria.

One million courses of locally made Tamiflu cost about T$200 million (US$5.9 million), compared with T$1 billion if purchased from Roche, Su said, adding it takes about 3 months to make one million courses.

5 commenti a “INFLUENZARE I BREVETTI”

  1. Davide Tarasconi dice:

    Succederà  sempre più spesso in campo medico: le emergenze sanitarie non dovrebbero guadare in faccia ai brevetti.

  2. Prometeo dice:

    Infatti. Puoi mica dirgli "non potete pagare? scusate, abbiate la compiacenza di andare a morire da un'altra parte senza fare troppo baccano, grazie, che fra mezz'ora qui passa la donna delle pulizie e non può fare lo slalom tra i cadaveri".

    Se proprio vogliamo mantenere l'attuale politica dei brevetti, almeno facciamoli diventare più "elastici", per così dire.

    E spero che la Roche si tolga la mano dal portafogli e se la metta sul cuore, per una volta, e non protesti. Non ci farebbe una bella figura: lucrare su un'epidemia mortale (vera o "gonfiata" che sia) non credo garantisca un bel ritorno d'immagine.

  3. Maurizio Goetz dice:

    Era già  successo in Sudafrica, ha ragione Davide Tarasconi, succederà  sempre più spesso.

  4. Domiziano Galia dice:

    L'OMS dovrebbe impegnarsi a far introdurre una norma per obbligare le case farmaceutiche a rendere pubblici i brevetti in tutti i casi di diffuso rischio di mortalità  (AIDS incluso).

  5. Macman dice:

    Questa è una non notizia. La stessa Roche nei giorni scorsi ha fatto sapere che cederà  i brevetti (temporaneamente) a quei paesi che avranno bisogno di produrre il Tamiflou.