Sebastiano Messina ci ricorda, su repubblica di oggi, come da un lato il governo vada ammirevolmente annunciando tagli agli stipendi dei parlamentari e dall’altro aumenti e di molto i finanziamenti ai partiti. Che nei prossimi cinque anni incasseranno la bella cifra di un miliardo di euro. Qualcuno al proposito forse ricordera’ con nostalgia un certo passato referendum sul finanziamento pubblico ai partiti.

“Perche’ lo Stato continuera’ ad assegnare un euro di finanziamento, pardon di “rimborso” per ogni elettore, solo che da ora in poi si conteggeranno anche gli astenuti. Che e’ il colmo. Neanche l’ultima, pacifica protesta di chi il giorno delle elezioni se ne sta a casa, deluso da tutti, bastera’ a fermare il distributore automatico di soldi ai partiti.”

3 commenti a “PRESI PER IL NASO”

  1. No dice:

    La qualità  si paga…

  2. Davide dice:

    ma l'ICI annullato , in questa nuova finanziaria, per le proprietà  della Chiesa (gli edifici a carattere commerciale come ospedali e cliniche cattoliche, scuole private e non chiese che già  erano esenti da ICI) è una bufala oppure è vero?

    Dove è possibile trovare queste informazioni?

    Non eravamo già  senza soldi senza bisogno di fare regali costosi?

  3. Davide dice:

    ok, come non detto

    http://passeroad.blogspot.com/2005/10/voi-pagate-lici-la-chiesa-no.html

    …. sarà  ma inizio a non riuscire a sedermi con comodità … viva la poesia!!!