Contrappunti, su Punto Informatico di domani.

Ultimo di una lunga serie di tentativi di adattare la Tv a Internet (o internet alla TV) il sito web del Corriere della Sera ha presentato in questi giorni il suo Mediacenter. Un contenitore web di informazione televisiva con due edizioni giornaliere di TG e Meteo. Il progetto dovrebbe, nelle intenzioni del suo editore, ampliarsi successivamente fino alla creazione di un vero e proprio palinsesto televisivo sul web. Alla iniziativa non è poi estraneo un accordo che si dice già  siglato con “La 7” per la fornitura da parte di RCS di contenuti TV. (continua)

7 commenti a “ANTEPRIMA PUNTO INFORMATICO”

  1. Massimo Moruzzi dice:

    non serve un mago. basterebbe qualcuno in rcs che ne capisse qualcosa. ops, l'ho detto :d

  2. Maurizio Goetz dice:

    Sono in pochissimi a capirci qualcosa di contenuti video per internet. L'Iptv potrebbe essere una grande sfida se solo fosse approcciata in modo corretto. Il vero problema è che i gruppi editoriali non ascoltano, credono di sapere tutto loro.

  3. Fabio Metitieri dice:

    "Resta in ogni modo impressionante notare come si continuino ad immaginare utilizzi simil-televisivi della rete Internet,"

    Io continuo anche a essere impressionato dall'imbecillita' di chi offre la televisione in una cornice da Web, tipo Rainews 24, o come si chiama quella roba che va di notte su Rai 3. Mi piacerebbe sapere chi e' l'ideatore di questa furbata.

    Ciao, Fabio.

  4. .mau. dice:

    a me la cornicetta piace :-)

  5. Sergio Leone dice:

    Un esperimento che puzza di muffa. Patetico.

  6. ciro dice:

    Metitieri: credo che il primo a proporlo sia stato bloomberg, http://images.bloomberg.com/media/tv_photo_americas.jpg (non esattamente un cretino). Tra l'altro la storia di Bloomberg è anche interessante. Io cmq nella televisione su internet ci credo. il problema sono i contenuti (intanto mi guardo in stream qualsiasi canale usa).

  7. asd e lol dice:

    La TV in rete non funziona solo perche' stiamo parlando di due cose ad oggi completamente diverse… quando mi metto di fronte alla TV sto facendo una cosa che non ha niente a che vedere con quello che ho intenzione di fare davanti al PC e viceversa.

    La televisione del futuro viaggera' solo attraverso la rete, che sara' il canale di comunicazione attraverso cui viaggera' l'informazione.

    Ma quando mi mettero' sul divano di fronte al televisore, che dentro altro non sara' che un PC in rete, continuero' a voler vedere il TG com'e' adesso, e tutto il resto… ovviamente ondemand, rinnovato, ecc.