Dopo le recensioni criptiche ed imbarazzata sui quotidiani ci voleva un blogger per dire esattamente come e’ stato l’atteso concerto di Ligabue al Campovolo di Reggio Emilia.

Comincia il concerto e il pubblico resta a bocca aperta: non tanto per Il giorno dei giorni che risuona incerto ad aprire la kermesse quanto per l’audio circostante. Non si sente quasi nulla. Le casse vomitano bassi e il livello della musica è insufficiente. La voce del Liga è addirittura coperta dal coro del pubblico. Un paio di pezzi e la gente comincia a spazientirsi, i pezzi sono inascoltabili, loffi nell’arrangiamento e non si riescono a seguire nonosante dovesse essere un impianto surround che avrebbe permesso a tutti una corretta fruizione dell’evento. I tecnici pasticciano con i volumi durante l’esecuzione di alcune canzoni: sembra di essere al concerto di un gruppo locale, nel circolo Arci del paesino di provincia.

8 commenti a “UN VELO SUL LIGA”

  1. Davide dice:

    Confermo direttamente da Reggio Emilia, indirettamente ne senso che io, fortunatamente, non c'ero: organizzazione approssimativa, 8 megaschermi per inquadrare sempre e soltanto Ligabue (che al massimo del coinvolgimento ha alzato solo le mani), audio pessimo o inesistente, spettacolo pirotecnico a metà  (nel senso che metà  dei fuochi artificiali non sono neanche partiti).

    un concerto fiacco fiacco fiacco con la netta impressione dell'invecchiamento e infighettamento del Liga, proprio lui che fà  della provincialità  una bandiera.

    soldi spesi malissimo per molta, troppa gente.

  2. Davide dice:

    ah, sembra che i pasticci con il volume siano dovuti a pressioni dell'ARPA locale perchè il volume non fosse troppo alte ed esigenze di registrazione live, visto che molto probabilmente verranno prodotti costosissimi CD e DVD dell'evento.

  3. Simo dice:

    tanto non si erano mica trovati lì per ascoltare musica.

  4. federico ferrazza dice:

    oggi però la stampa (la repubblica) se n'è occupata.

  5. precipitandosivola dice:

    quelli che c'erano, si son trovati sul serio di fronte ad un gruppo locale, nel circolo ARCI del paesino di provincia. Poi già  tuonare con "Il giorno dei giorni" è come tirarsi una zappata nei piedi

  6. No dice:

    Chiunque sia disposto a pagare per vedere un concerto del Liga merita questo ed altro…

  7. Alessandro Longo dice:

    NOn ho visto il concerto, però a naso mi sento di dire che qui si rischia di cadere nel preconcetto "il blog critica in modo netto=il blog dice la verità ". La verità  invece spesso sta nel mezzo e quindi forse le critiche del blogger erano troppo radicali. Consiglio di leggere il pezzo su repubblica.it per un'analisi forse più equilibrata, tra pregi e difetti

  8. massimo mantellini dice:

    alessandro,

    ieri sera ho fatto un giro su technorati, c'era un diluvio di commenti arrabbiatissimil sul concerto al campovolo. Oggi , per chiudere il cerchio, su repubblica di carta c'e' una lunga lettera di scuse di Ligabue.

    Altro che nel mezzo, per una volta…..