17
Gen

Leggo stamattina dei guai finanziari di Fastweb. Ecco se c’e’ un blog che vorrei leggere (e che non trovo e che forse non esiste ancora) e’ quello di qualcuno che mi spieghi come vanno “davvero” gli affari delle societa’ tecnologiche italiane. Di Fastweb, di Tiscali, di Buongiorno ecc. ecc.

8 commenti a “WISHING LIST”

  1. Massimo Moruzzi dice:

    io ho fatto 'carriera' prendendo in giro quelle *troppo* stupide, quelle che ormai erano con le pezze così al culo che non potevano neanche permettersi più un avvocato per denunciarmi… Le società  'tecnologiche' italiane sono, di fatto, delle telefoniche. Fastweb, di cui hai scoperto tu stesso i problemi, Tiscali, anche loro temo un po' così così. E poi quelle che fanno business soprattutto col 'mobile', che è comunque traffico telefonico. Soprattutto con loghi e suonerie da scaricare. Dada, che va bene ed è penso la più grande, poi Buongiorno di cui non so nulla (ma che penso ormai faccia fatturato soprattutto dal 'mobile'), Zero9, Zed, Planner etc. Società  Internet nel senso di Web? Tuttogratis (anche se forse chiamare società  'tecnologica' una directory è un po' troppo), Incontri di superEva (comunque una percentuale abbastanza piccola del fatturato di Dada) e sicuramente YOOX. Gli altri sono relativamente piccoli. Magari bravi, ma abbastanza piccoli. Niente di strano, visto che l'Italia è un Paese di società  di piccole dimensioni.

  2. gm dice:

    sarebbe interessante avere le voci direttamente dall'interno dell'azienda (dipendenti, fornitori) ma "sono vietati"…peccato….

  3. Max dice:

    Non capisco come si possano anche solo subodorare eventuali problemi finanziari da una nota del genere: complimenti!

  4. .mau. dice:

    comunque avresti dovuto leggere il progetto di H3G di scorporare la rete, e affittarla a chi voglia fare servizi UMTS senza avere le frequenze. Questo mi sembra molto più interessante. Non vorrai mica non farmi leggere il commento di Ciao Fabio al tuo commento? :-)

  5. Massimo Moruzzi dice:

    Max, dipende da cosa si intende per 'guai finanziari'. problemi per il futuro della società , si direbbe proprio di no. al tempo stesso, viene rimandato di un altro anno il raggiungimento del break even (e cosa succede se arrivano le adsl da 10 euro/mese come a Parigi… ?)

  6. Max dice:

    Massimo, quello che tu citi mi sembra un problema concreto, il fatto che il titolo perda in seguito ad un aumento di capitale assolutamente no, se poi ci sono anche voci di acquisizioni…

  7. Massimo Moruzzi dice:

    d'accordissimo.

  8. Luca Lizzeri dice:

    La ragione è semplice. Parafrasando, FastWeb dice agli investitori: "non guadagno abbastanza". Da questa premessa prosegue : "con i soldi che mi avete dato finora non ce la faccio. Dovete darmene di più. Prometto che li userò meglio".

    E prevede di raddoppiare le spese per i prossimi due anni e comprimere i margini, oltre a enfatizzare l'ADSL single play rispetto alla fibra triple play. Tenuto conto che sulla ADSL ha ormai poco o nulla di vantaggio rispetto alle future offerte di Tiscali e Wind (o delle future offerte Telecom), le premesse non sono buonissime.