26
Ott

Il nuovo disco dal vivo di Ivano Fossati, con tutto il rispetto per un autore che e’ semplicemente e da sempre il mio autore preferito, e’ un lavoro deludente.

8 commenti a “TOCCA DIRLO”

  1. anranthro dice:

    Non l'ho ancora sentito, ma se ricalca anche solo un millesimo delle atmosfere del concerto… allora vale molto…

  2. EmmeBi dice:

    Non sono affatto d'accordo. E' invece secondo me un lavoro raffinato e per niente scontato.

    Certo, manca il suono pieno dei due precedenti live, e per questo necessita di alcuni ascolti in più. Falli.

  3. massimo mantellini dice:

    fatti……tutto come prima, purtroppo.

  4. pakistano dice:

    per te Emmebi-Mollica sarebbe un lavoro raffinato e per niente scontato….

    Sai che novità !

  5. Vittorio Merlo dice:

    Quando si dice che i gusti sono gusti. Ecco il giudizio di Assante, dal suo blog su Repubblica:

    "Fossati sta atraversando un periodo di grazia e la sua musica ne risente positivamente. Il disco in questyione è bellissimo, e i pezzi vecchi qui rinascono a nuova vita. La chiusura con "Il disertore" è fulminante, solo voce, due minuti e trenta di poesia antimilitarista, da grande interprete."

    e quello di Ferraris su La Stampa:

    "… Ma qualcuno potrebbe domandarsi: perché acquistare un live, con le solite canzoni? Giusto. Gli arrangiamenti sono superbi, la musica magnifica, le interpretazioni eccellenti.

    Tuttavia, se si possiede l’opera omnia fossatiana, del live si può anche fare a meno: spendere è una scelta coraggiosa, di ‘sti tempi, pertanto ci si può astenere. Mi si consenta piuttosto una considerazione: in questo cd, tra molti bei brani, ci sono anche «I treni a vapore» e «Una notte in Italia». E riascoltarle mi ha emozionato come la prima volta.

    Questi sono i capolavori…."

    Io no l'ho ancora ascoltato.

    Vittorio

  6. massimo mantellini dice:

    vittorio

    credo che proprio qui stia la cosa interessante. Il disertore, che e' una canzone bella e benissimo tradotta, a chiudere il disco cantata da Fossati senza alcun ausilio musicale perde "secondo me" molto del suo fascino. Per Assante e' il contrario. Emmebi (che e' una persona che stimo) trova il disco benissimo suonato, a me pare ripetitivo e monotono con un batterista cosi' cosi' (nepotismo in effetti) in grado di rovinare completamente una canzoncina piacevole come Cartolina. E potrei continuare……ma si tratta credo, in un caso di talento manifesto come quello di Fossati, solo di "gusti personali".

  7. GePS dice:

    Non so il disco, ma sicuramente deludenti sono i prezzi dei concerti del compagno Ivano: un paio di anno fa intorno ai 40 euro. Alla faccia della "canzone popolare"!!!

  8. EmmeBi dice:

    Pakistano, mandami pure affanculo, ma Mollica no eehh!!!!