Mentre da noi – dopo decine di migliaia di truffe e un numero imprecisato di denunce alla polizia postale – uno straccio di etica web fatica a farsi largo (basta dare una occhiata a Virgilio dove i dialer di Superlinko ed alcuni nuovi misteriosi servizi “a valore aggiunto” continuano ad essere in bella mostra fra i contenuti o nei banner pubblicitari, in Gran Bretagna ci si preoccupa per tempo dei diritti degli utenti internet meno svegli. Come ripetuto mille volte anche da queste parti le soluzioni per arginare le truffe via dialer volendole cercare esistono. Una, la piu’ radicale, e’ che chi desidera servizi plus debba “richiederne fisicamente l’attivazione”. Quella invece pensata in UK e’ forse piu’ semplice: chiunque desideri fornire servizi a valore aggiunto via Internet si dovra’ preventivamente registrare all’ICSTIS (Independent Committee for the Supervision of Standards of Telephone Information Services). Qualcuno scuota Enzo Cheli dal sonnellino serale (dopo quello mattutino, quello pomeridiano e prima di quello notturno) per comunicargli la grande idea.

In July, Icstis announced new rules requiring premium rate providers to pre-register with it before offering legitimate net dial-up services.

5 commenti a “DIALER GOES TO UK”

  1. .mau. dice:

    scusa Massimo, ma se in Italia creassero un organismo come quello ci metterebbero il cugggino di Cheli, non vedo un grande vantaggio.

    Forse richiedere l'attivazione fisicamente potrebbe essere una soluzione, anche se tutte le enciclopedie vendute per strada mi fa sorgere dei dubbi…

  2. massimo mantellini dice:

    si hai ragione, ripensandoci non e' poi questa grande idea….in ogni caso in UK esiste una attenzione (ed una valutazione del fenomeno dialer) che va rimarcata….basti pensare che ICSTIS sta occupandosi di 6 (6 non seimila) casi di utenti che hanno protestato per le bollette gonfiate…..

  3. .mau. dice:

    Indubbiamente occorre fare qualcosa. L'obbligo di firmare fisicamente potrebbe essere utile, ma secondo me basterebbe anche qualcosa di più semplice, tipo l'obbligo sancito per legge che quando un dialer parta ti arrivi una bella schermatona a tutta pagina che dica "da questo momento paghi tot euro al minuto (e non "al secondo"… ho visto alcuni dialer che mettevano il prezzo al secondo sperando che la gente non se ne accorgesse). A questo punto, se qualcuno non lo facesse, Telecom e affini fanno in fretta a rivalersi sul "gestore" del dialer non pagandolo.

    Peccato che così sorgerebbe subito qualcuno a lamentarsi che si vuole tarpare uno dei pochi settori floridi dell'economia italiana, come è capitato con i videopoker…

  4. LorenzoC dice:

    Ecco, io avevo detto che non me ne occupavo più. Faccio solo un piccolo strappo alla regola dicendo che "misteriosi servizi" sono riconducibili a quelli di superlinko, insomma son sempre loro.

  5. .mau. dice:

    Io la legge la farei subito, c'è un limite anche al mio motto "se uno è stupido, se lo merita". Però le leggi non le faccio io, e le lobby sono molto più influenti di me…