Come tutti ho pochissime informazioni al riguardo (e temo che questa scarsezza non sia casuale). Ma l’arresto oggi dell’ideologo veneto della pedofilia come filosofia di vita, richiesto da un magistrato di Catania, ha molti aspetti che dovranno essere chiariti in fretta.

In otto mesi di indagini gli investigatori non hanno trovato nè foto nè filmati pedo-pornografici. Nel sito, che è stato oscurato dalla polizia postale di Catania riuscita a forzare l’ accesso, c’ erano anche un forum per i promulgatori della bontà  dei rapporti sessuali tra adulti e minorenni, un test per scoprire «se sei pedofilo» e una sezione dedicata alle critiche contro le associazioni italiane anti pedofilia. Nel sito erano presenti dei link d’ accesso agli indirizzi Internet di analoghe «associazioni» pro pedofilia esistenti negli Stati Uniti, in Danimarca e in Olanda, dove sono legalmente riconosciute. (ANSA)

Ne ha scritto anche Beppe con parole che condivido.

8 commenti a “REATI di OPINIONE?”

  1. Massimo Moruzzi dice:

    Scusa, ma quindi avrei diritto anche a mettere su un sito pro olocausto – basta che io mi definisca filosoficamente antisemita ?

  2. alessio dice:

    Mi basta il fatto che don De Noto sia contento: allora io sto dalla parte del pedofilo.

  3. Fabio Metitieri dice:

    Scusa, Bragadini, pochi anni fa proponevi un sistema di censura in Pics che faceva rizzare i capelli sulla testa, e adesso stai dalla parte di chi fa apologia della pedofilia? A cosa e' dovuto questo tuo strano percorso ideologico???

    Ciao, Fabio.

  4. Paolo Graziani dice:

    Nell'antica Grecia, come tutti sappiamo, la paideia, l'educazione, dei più nobili, consisteva nel libero rapporto anche erotico fra un giovinetto, un ragazzino(es. Alcibiade) e un adulto maturo(es.Socrate). Rapporto omosessuale, quindi, e pedofilo. Ora è cambiata la cultura della sessualità , certo; questo grazie a una evoluzione culturale. Quindi: se io voglio stimolare un cambiamento culturale promuovendo la pedofilia come metodo educativo, senza però praticarla in alcun modo…perchè le mie idee devono essere vietate?

    Eppure quando si tratta di cultura dell'antica Grecia, in fondo la nostra matrice culturale profonda, ce ne facciamo sempre un vanto di conoscerla…

    Io credo che attraverso la campagna contro la *cultura* pedofila si stia cercando di fare una campagna, in realtà , contro ogni libertà  di comunicazione e contro la libertà  dell'infanzia, soprattutto.

  5. beppe dice:

    Un conto è fare apologia di assassinio. Un altro pensarla in modo discutibile sull'erotismo….

  6. Paolo Graziani dice:

    Stiamo attenti a non confondere la pedofilia con l'omicidio, intanto. Mi sta bene punire i reati, se ci sono; ma fare di tutta l'erba un fascio, è una cosa, appunto – fascista.

  7. alessio dice:

    Fabio, cerco quando possibilie di non rinfocolare vecchie polemiche. Sono sicuro che tu lo sai perfettamente, ma aggiungo ad uso del pubblico che 1) PICS è (era?) uno standard del W3C di "etichettamento" e non di censura, che poi nei fatti non ha avuto successo, forse giustamente o forse no; 2) la chiarezza sui propri contenuti (anche automatica, come il sistema di cui sopra) aiuterebbe molti siti a non finire nelle maglie di qualche censore da quattro soldi, come quel prete che avrebbe, credo, un'altra missione nella vita; 3) qui si tratta di un'altra questione e cioè di un reato di opinione, ché a quel che mi risulta il tipo per ora non è stato incriminato per qualche atto vero e proprio; e 4) c'è una parte di provocazione perché pare che in Italia si possa perdonare a tutti (ladri, mafiosi, tangestisti, guerrafondai, ecc.) ma ai presunti pedofili (e sottolineo presunti) vanno invece tagliate al più presto mani e orecchie e possibilmente qualcos'altro.

  8. Fabio Metitieri dice:

    Alessio: il Pics di per se' e' una scatola che puo' anche essere innocua (anche se, aperta parentesi, il fatto che in tanti anni non abbia mai preso piede forse indica che si tratta di una scatola fatta molto male, chiusa la parente), pero' voi avevate provveduto a riempire la scatola trasformandola in un sistema degno dell'inquisizione spagnola…. ed era una vostra libera e voluta interpretazione, non del W3c. Comunque, Ok, prendo atto che come sempre, tra le citazioni di Fossati e gli stalinismi a cui eri arrivato in passato, hai qualche "piccola" e insolubile contraddizione interna.

    Beppe: se la pedofilia e' un reato (e lo e', anche perche' quei presupposti che la rendevano non traumatica nella societa' greca oggi non esistono piu'), una sua difesa, anche solo "filosofica" e' apologia di reato. Certo, non apologia dell'assassinio o dell'olocausto, ma pur sempre di un reato, e di un reato decisamente poco apprezzabile e assolutamente non difendibile. Imho, ovvio, dato che non sono un giurista.

    A naso e a buon senso mi pare ovvio che un sito del genere sia stato perseguito e non mi pare il caso di gridare alla censura generalizzata. Mi sarei stupito se il tutto fosse passato inosservato.

    Ciao a tutti, Fabio.