Quasi dimenticavo che oggi Paolo De Andreis ha scritto un grande commento alla tragicomica proposta di legge Urbani sul P2P.

Un commento a “L’EDITORIALE del DIRETUR”

  1. Paolo Graziani dice:

    Mah…la proposta di legge sarà  pure tragicomica, però è una realtà , che si stiano cominciando a vendere contenuti a pagamento – news, musica, sms, etc.etc.- e non da ora. E questo comporta la logica conseguenza per la quale i grossi fornitori di contenuti sentono il bisogno di impedire tutto ciò che minaccia il pricing del loro prodotto: ovvero, se sono solo io a vendere la canzone x è un conto…se la stessa canzone si può trovare on-line gratis..è un altro. E questa legge asseconda, ovviamente, i loro interessi – certo in modo tragicomico, ma tragicomicamente efficace, rispetto alle masse, almeno.

    Poi rimarrà  sempre un ristretto numero di web-corsari, capaci tecnicamente di bypassare ogni legge e ogni cavillo…