05
Mar

Quando su Internet si ascolta per la millesima volta la solita disamina su come da queste parti tutto sia autoreferenziale ed ombelicale forse varrebbe la pena di ricordare cosa accade sui media uno-a-molti in Italia (solo in Italia, perche’ solo qua l’etica informativa e l’occupazione del potere trasmissivo consentono simili lussi). Sono giorni e settimane e mesi che su ogni canale TV e su ogni foglio di giornale e su ogni settimanale e mensile si parla di audience TV. E di share. E di altre amenita’ del genere piu’ o meno farcite di tecnicismi da ufficio marketing. Simili informazioni sono sulle prime pagine dei giornali. E sono trattate nei Tg alla stregua di notizie di grande rilevanza. Poi le cifre del successo di questo o quel programma le si vanta nei programmi interessati. E ci si alza in piedi e si ringrazia gongolanti il gentile pubblico che ha permesso simili primati. Poche centinaia di persone attendono ogni mattina i risultati dell’auditel per poterli gridare al mondo con altoparlanti potentissimi. Anche se al resto del mondo non gliene frega una cippa. Il GF batte Sanremo? Striscia contro Bonolis? Pero’ Internet, quella si’ che e’ autoreferenziale.

4 commenti a “PROMEMORIA”

  1. Mario Rossi dice:

    Che dire di piu? di solito non mi piace postare commenti solo per dire: sono d'accordo, hai ragione, sottoscrivo.

    Stavolta lo faccio e anche volentieri, perchè quello che dici è sacrosanto, è sacrosanto, è sacrosanto.

    MR

  2. bostik dice:

    vangelo

    ,)

  3. Muttley dice:

    cito dal tuo aricolo: «E ci si alza in piedi e si ringrazia gongolanti il gentile pubblico che ha permesso simili primati»
     
      e mi viene in mente: primate mammifero onnivoro dell’ordine dei Primati, con mani dotate di pollici opponibili alle altre dita che consentono la presa e la manipolazione di oggetti, visione binoculare stereoscopica, encefalo molto sviluppato e tendenza alla posizione eretta, realizzata pienamente solo nell’uomo | pl. con iniz. maiusc., ordine del superordine degli Euteri cui appartengono specie tra loro molto diverse, tra cui le scimmie e l’uomo. http://www.demauroparavia.it/86937

  4. Pier Paolo dice:

    Se davvero non interessasse nessuno, non perderebbero tanto tempo per "gridarlo al mondo con altoparlanti potentissimi". Evidentemente a qualcuno (a molti) interessa. Forse per lo stesso motivo per cui oggi, come dice Grillo, votiamo davvero quando facciamo la spesa. E l'auditel mi vien da paragonarlo ad una proiezione elettorale. Corollario a tutto ciò: finchè non ci sarà  pluralità  televisiva non ci sarà  neppure nel dibattito politico.