Bellissimo articolo del Washington Post sulla gita di thanksgiving di George Bush a Baghdad. I giornalisti di stanza in citta’ non sono stati ammessi fino a quando l’Air Force One non e’ ripartito. E soprattutto il tacchino per le foto di rito era una specie di centrotavola che George si e’ portato da casa. Tutto finto insomma. In perfetto stile Bush. (via Network Games )

The bird is so perfect it looks as if it came from a food magazine, with bunches of grapes and other trimmings completing a Norman Rockwell image that evokes bounty and security in one of the most dangerous parts of the world.

5 commenti a “CHI LO PORTA IL TACCHINO?”

  1. renato dice:

    la cosa comica è che la casa bianca ha smentito l'accusa che servisse solo a rendere più fotogenica la visuta di Bush ai soldati… ma allora a cosa serviva? arma tattica sperimentale?

  2. Tyler dice:

    Ma da uno che s'è perfino truccato le elezioni potevi non aspettarti un tacchino farlocco? ;)

  3. Andrea dice:

    Tacchino finto o no, ci è andato. Oppure come per lo sbarco sulla luna è anche questa una farsa?

  4. Tizio dice:

    Io penso che Bush non faccia nulla di nuovo rispetto a suoi illustri predecessori come Kennedy o Reagan.

    L'IMMAGINE

  5. Tizio dice:

    (…segue, ehm scusate mi è partito l'enter)

    L'IMMAGINE prima di tutto!