Sono a Milano da qualche giorno e devo dire che la cosa che mi disturba di piu’ girovagando per il centro sono i negozi di abbigliamento alla moda per bambini. Detto questo ieri sera gradito incontro in uno di quei bar fighetti del centro (quelli che Emmebi conosce a menadito) con alcuni blogger che stimo molto. Ho raccolto molte notizie importanti riguardo a serie televisive americane a me ignote (Neri in casa sembra abbia piu’ videoregistratori che interruttori della luce), reality show trash ad ambientazione caraibica che tanto piacciono e tanto fanno discutere, vere o presunte identita’ di Brontolo. In seconda serata cena con Gaspar in un simpatico ristorante indicato da Emmebi. Mentre alle 4 di notte stavo iniziando a digerire i tortelloni alla cannella, telefona mia moglie per dirmi che la piccola ha la febbre alta. E cosi’ parafrasando Chatwin e’ tutto il giorno che mi chiedo: Cosa ci faccio io qui?

5 commenti a “MILANO CHE BANCHE, CHE CAMBI.”

  1. EmmeBi dice:

    Mi fa piacere che siate stati bene, là .

  2. Squonk dice:

    Idem (certo che anche tu, i tortelloni alla cannella…). E' stato un piacere. E la piccolina, come sta?

  3. delio dice:

    guarda che chatwin un mese dopo aver pronunciato quella frase non scoppiava proprio di salute.

  4. AleRoots dice:

    E le banche??? :-O

  5. Effe dice:

    Dura, la vita del blogger…