La stragrande maggioranza degli italiani si connette a Internet attraverso una connessione dial-up pagando quindi una tariffa telefonica a tempo. Si tratta di utenti che tipicamente utilizzano tempi di connessione assai piu’ lunghi di una normale telefonata voce. Dal prossimo autunno Telecom ha pensato bene di cambiare le proprie tariffe. Le telefonate locali di lunga durata (quelle tipiche di chi si connette alla rete) costeranno di piu’. La chiamano “rimodulazione”. Una manovrella nota che consiste nell’abbassare il costo del prodotto meno appetito (le interurbane) elevando quello dei servizi per l’azienda piu’ interessanti, facendo credere che tutto resti come prima. In un paese serio nel quale davvero si volesse incentivare l’uso della rete Internet un simile giochetto non potrebbe accadere. Da noi si’. E la inutile Authority Comunicazioni che tanti danni ha prodotto in questi anni per gli utenti finali dei sistemi di comunicazione, dichiara con invidiabile tempismo che vigilera’ affinche’ il costo complessivo per tutti noi , rimanga invariato. Ridicolo.

Commenti disabilitati

Commenti chiusi.