25
Giu

PRENDERE POSIZIONE

Io credo di dover chiedere scusa. Sempre piu’ spesso arrivano nella mia mailbox inviti a prendere posizione su questo blog riguardo a questioni importanti che spaziano dalle proteste degli studenti a Teheran, all’inquinamento dell’ambiente fino alla liberazione di Adriano Sofri. Quello che desideravo dire e’ che non e’ che io sia insensibile di fronte a simili argomenti. Sono solamente piccolo e spesso incolto e talvolta senza una opinione precisa su faccende tanto serie e complesse. E insomma questo e’ un piccolo spazio personale senza pretese e il suo gestore non ha alcuna statura morale per indicare la strada. Qualunque essa sia. E di questo si scusa e un po’ si vergogna.

5 commenti a “”

  1. Squonk dice:

    Massimo, che c'è da vergognarsi? Forse ci dovremmo vergognare noi, quando aderiamo a cause che non conosciamo, solo perchè ci piace l'idea di far parte di qualcosa di grande e di bello. Va da sè, il "noi" sta per "io".

  2. sandro dice:

    …o forse si tratta di prendersi le proprie responsabilità ? Puoi scrivere di guerra e pace, ma è dando la tua posizione che ci si mette in gioco… con se stessi, nel proprio spazio personale senza pretese.

  3. .mau. dice:

    Dare la nostra posizione? giustissimo.

    Darla su tutto? ci sono già  così tanti pancommentologhi!

  4. fragile dice:

    Sono d'accordo. Non credo, inoltre, che sia "doveroso" per chicchessia parlarne. Come non credo che dare una risposta completamente sicura a queste domande sia facile. Cioè, è facile, se non rifletti. Ciao e grazie.

  5. Pietro B. dice:

    Forse Massimo vuol semplicemente dire di non rompergli i coglioni. Che tanto lui sa di cosa deve o non deve parlare.

    (Tante volte la verità  suona meglio).