09
Giu

RADUNI, BLOG e BURKA

Si moltiplicano le occasioni di incontro fra blogger. C’e il raduno enorme a Firenze, la conferenza sui weblog all’Universita’ della Tuscia e prossimamente (forse) il party del cuscino organizzato da Gianluca Neri a Milano. Al riguardo oggi Palomar ha scritto una cosa bellissima:

Un raduno è un incontro senza le nostre parole a proteggerci. E’ come incontrare per strada una moltitudine di vicini di condominio, è la riunione condominiale, dove non si parla mai di noi, di ciò che siamo, di ciò che proviamo, ma si finisce sempre a parlare del condominio stesso, dei nostri filtri, della luce delle scale rotta. Posso superare uno spaesamento, non una folla di sguardi senza possibilità  di relazione. In pubblico voglio il mio burka.

Personalmente ho portato il burka per molti anni.Oggi – sara’ un fatto di eta’ – l’idea di togliermelo ogni tanto per qualche minuto davvero non mi dispiace.

3 commenti a “”

  1. cris dice:

    Già  scrivere un proprio blog è un modo per scoprirsi a pezzi, quando, quanto e come si vuole.

    Ciao.

  2. genitorisingle dice:

    a me questi raduni mi ricordano molto le cene che si organizzavano anni fa tra chi frequentava le chat, c'è sempre il solito gruppetto di eletti e gli altri che stanno dietro.

  3. b.georg dice:

    mi sa che la blogsfera è come l'evoluzione dei bambini: va per fasi. La fase del tutto in bocca, quella dei perche', che li uccideresti al 45esimo perche' di fila… nei blog questa dev'essere la fase della lamentazione sull'elite, che segue la fase della lamentazione sull'autoreferenzialità . e provoca la stessa reazione della fase dei perche', infatti. Ragazzi, i blog sono gratuiti, fatevene uno e parlate d'altro. Oppure ritirate la coda di paglia, che si vede fin qui.