15
Mag

PREOCCUPARSI (finalmente) dei CITTADINI

Dopo la lunga (e inutile) discussione sulla regolamentazione dell’uso delle fotocamere dei telefonini nei luoghi pubblici, oggi il Ministro degli Interni avrebbe vietato l’uso dei videofonini (termine sotto copyright del mai dimenticato Ministro delle Comunicazioni Cardinale) nelle cabine elettorali. Spassoso e totalmente demenziale.

2 commenti a “”

  1. Tom dice:

    Massimo si vede che hai avuto la fortuna di vivere sempre a Genova. Io ho vissuto molti anni in un paesino del Meridione e ho visto cose incredibili nelle urne elettorali di quei posti.

    Credimi quello dei telefonini è una cosa minima rispetto a quello che accade.

  2. Andrea dice:

    Io non trovo che sia una cosa campata per aria. Se qualcuno mi dà  la possibilità  di documentare il mio voto, e poi vuole controllare se ho fatto come era previsto, la mia libertà  va a quel paese. Il sistema del voto di scambio perde valore se non c'è la possibilità  di controllare che il patto sia stato rispettato. E il videotelefono (ma anche la mini-fotocamera, aggiungo) dà  la possibilità  di effettuare questo controllo, secondo me. Poi sull'efficacia dei controlli anti-videotelefono si può discutere a lungo…