03
Apr

NUOVE TECNOLOGIE

Questa mattina siamo stati al mare alla ricerca di una casa da affittare per l’estate. Siamo finiti in una di quelle agenzie immobiliari della riviera dove il gerente, un signore di una certa eta’ circondato da 4 o 5 tirapiedi dalle facce improbabili (piu’ una stagista non giovanissima in minigonna ascellare tacchi a spillo e calze a rete), rispondeva contemporaneamente a due telefoni mentre parlava con noi. Sono riuscito a placare mia moglie che alla 5° telefonata che interrompeva la nostra impossibile ricerca (una casa col giardino, arredata decentemente, vicino al mare, in una zona silenziosa) si stava alzando per andarsene e ne e’ valsa la pena. Ad ogni squillo del telefono il nostro sfogliava un brogliaccio rovinato, scritto a matita e pieno di scarabocchi e ditate d’unto: il database delle sue proposte commerciali. Ad un cliente che si accertava per telefono di un appartamento con due camere da letto, poco prima che noi alzassimo bandiera bianca, ha risposto mellifluo con il suo impagabile accento romagnolo: “Non si preoccupi, qui noi abbiamo tutto compiurizzato“. Mentre uscivo sorridendo mi sono guardato intorno: di compuer nemmeno l’ombra. Probabilmente usano dei palmari.

2 commenti a “”

  1. luca montaguti dice:

    ti ci vedo

    ciao

    Luca

  2. marco dice:

    l'hai trovata la casa?

    su quali lidi romagnoli?

    se ti serve qualche info digita pure

    (io da buon milanese con bimba piccola ho trovato, grazie a moglie romagnola un piccola oasi felice da quelle parti)