27
Mar

INEZIE d PROVINCIA

L’annosa faccenda che sta scuotendo i palazzi della politica in Italia, se Berlusconi abbia mentito al Parlamento o meno, se l’Italia sia belligerante o no per via del fatto che da Vicenza sono partiti paracadutisti americani diretti in Iraq, fa francamente ridere i polli. E se c’e’ fiato per discutere di queste inezie significa solo che siamo messi male, non solo (come si sapeva) da una parte ma anche (come si sapeva) dall’altra.

7 commenti a “”

  1. Giuseppe Granieri dice:

    Scossi i palazzi? Magari. Domani se ne saranno gia' dimenticati tutti. E questa continua perdita di memoria (che i media aiutano, ma che noi tolleriamo) regala a chi governa la sensazione di poter fare qualsiasi cosa, tanto la nostra soglia di accettazione degli eventi è ormai senza fine…

  2. Giorgio dice:

    Massimo, non sono d'accordo.

    Da un punto di vista pratico, hai ragione: i para' potevano fare scalo da qualche altra parte, nulla sarebbe cambiato nella sostanza, e noi saremmo stati a posto.

    Ma ci sono due questioni molto importanti, che io credo fondamentali:

    1) Se il Governo abbia mentito al Parlamento, ed in che termini sia obbligato a rispondere delle sue azioni: si sta parlando di equilibrio tra il potere Esecutivo e quello Legislativo, e non e' affatto una questione secondaria.

    2) Se stiamo violando la Costituzione: poiche' nella Costituzione sono contenuti i principi fondamentali su cui si basa la nostra Repubblica, se la si viola impunemente una volta si pone un pericoloso precedente.

    Ciao

    Giorgio

  3. Nicola Marangon dice:

    E' vero, sarebbe bastato uno scalo tecnico e il problema (ma lo e'?) non si sarebbe presentato.

    Mancanza di tatto? Credo invece che la questione non sia nemmeno passata per la testa agli americani.

    Direi percio' un'ulteriore dimostrazione del peso politico italiano.

    Un problema, in mezzo a quelli veri, ben misero.. sufficiente pero' a generare il triste teatro cui assistiamo.

    Sulla costituzionalita' dell'uso delle basi e delle modalita' poi, a dire il vero non c'ho ancora capito nulla. :-(

    Logisticamente,

  4. Fabrizio dice:

    Concordo con Nicola. Non sono stati informati, perche' e' l'ultimo dei pensieri di Bush.

    E' una delle cose che impara chi va all'estero. Quando sei in Italia sembra di essere al centro del mondo. Da fuori capisci che non contiamo nulla.

  5. Antani dice:

    Non è che non si conti nulla, è che abbiamo uno che ci ha venduti troppo a buon mercato, per eufemizzare.

  6. luca montaguti dice:

    "il tutto è falso, il falso è tutto"…

    qualcuno l'ha cantato non molto tempo fa

    Luca

  7. claudio sanfilippo dice:

    D'accordo con Massimo. Come Luca, parafraserei Gaber: La realtà  è un uccello che non ha memoria, devi immaginare da che parte va …

    La sinistra prende stormi per uccelli, ormai da molto, troppo tempo, e spara a tutto quello che si muove. Ieri mi è capitato di leggere Repubblica (ahi, che brutto giornale è diventato) dove il giovin scrittore Brizzi mi dice che Snoopy è un rivoluzionario. Insomma, gloria sempre al compagno bracchetto. Davvero, leggere per credere. Sono attonito, non ho più nemmeno la forza di ridere o di piangere, resto aggrappato alla poesia, l'unica vera rivoluzione possibile. Nel mio condominio le persone che hanno esposto la bandiera arcobaleno sono quelle con cui, al massimo, parlo del nulla. E' pseudoetica anche questa, no ? Perchè allora non inventarsi la bandiera del Bene, così andiamo più alti e poi ci contiamo per davvero ? Mah ……. Claudio