11
Feb

TABLET PC: E’ SUBITO SUCCESSO

Il 96,72% delle statistiche sono false recitava una vecchia signature dei messaggi di posta elettronica. In realta’ con i numeri e’ possibile giocare peggio che con le parole. Oggi Claudio Gerino su Affari e Finanza con i numeri ci gioca e anche pesantemente. Gerino scrive che Acer, Toshiba , HP e Fujitsu- Siemens avrebbero venduto in pochi mesi “oltre mezzo milione” di Tablet PC. Ora io – non so lui – nemmeno dopo un paio di litri di sangiovese sarei disposto a credere ad un numero del genere,. Specie se me lo raccontano proprio quelli che simili oggetti vendono. Come vanno gli affari commendatore? Gli affari dice? Una meraviglia! Poi fate caso ai piccoli trucchi del mestiere: secondo voi quale pathos si richiede per dire: “oltre-mezzo-milione-di tablet pc” ? E , per fare un altro esempio, cosa significa che l’incremento delle vendite e’ stato quattro volte piu’ veloce rispetto all’intero venduto di personal computer. Basta uno scarso in matematica come Mantellini per capire che se un oggetto nel novembre 2002 non c’era e oggi se ne vendono 3 esso ha avuto una formidabile impennata nelle vendite. Si parte insomma da premesse dubbie e fumose (si cita per esempio uno studio inglese di una societa’ di ricerca limitandosi a elencare le percentuali di penetrazione dei vari modelli ma non il numero di pezzi venduti) , se non palesemente artefatte, per fare cosa poi? Ma per occupare le restanti 5 colonne del pezzo analizzando le caratteristiche tecniche dei tablet pc dei contendenti in una imbarazzante descrizione al limite del redazionale. Che a questo punto sarebbe stata la scelta migliore. Rispettosa anche della dabbenaggine del povero lettore.

Un commento a “”

  1. Tony dice:

    Mi ricorda l'enfatica pubblicità  della Fiat Stilo in cui si affermava che la Stilo è già  la più venduta in Italia nel segmento berline medie a 3 o 5 porte (fonte: Quattroruote).

    Questo era esatto nonostante le immatricolazioni della diretta rivale Ford Focus superassero abbondantemente quelle delle Stilo. Il tarocco della Fiat consisteva nel considerare soltanto le berline, mentre metà  delle Focus vendute sono station-wagon.

    Va da sè che anche Quattroruote aveva pubblicato un redazionale.