26
Gen

TRAME

Mi capita spesso di scegliere ( o di non scegliere ) un libro in base alle prime 10 righe o al riassunto della quarta di copertina. Per queste ragioni i giorni scorsi ho acquistato L’Hammam di Tahar Ben Jelloun:

Un uomo vive nell’ossessione di sentirsi sporco. Nonostante continue doccie e bagni sente cattivi odori emanati dalla propria pelle o dall’interno del proprio corpo. “Dentro di me c’e’ qualcosa di morto che non riesco ad espellere”.La compagna lo tranquillizza, non c’e’ niente di vero; il medico gli dice che e’ solo una sua fantasia, sara’ un po’ di stress. Ma per “guarire” davvero dovra’ tornare in uno di quei vecchi hammam, quei bagni turchi dove andava da ragazzo. E trovare chi, con i riti e le parole di una antica saggezza, o di una magia, sapra’ liberarlo dal male del mondo.

Il libro, un capolavoro di brevita’ ( 52 pagine), non mi e’ parso un gran che. Ma questa e’ tutta un’altra storia.

Un commento a “”

  1. mafe dice:

    Ehi, grazie, continuava ad attrarre anche me, qualche euro risparmiato (e prima o poi ci faranno causa anche per questo?)