23
Gen

RODOTA’: STACCATE LA SPINA del PC

Vedo che questa notizia de Il Messaggero sulle minaccie di morte giunte a Fabio Visca ha suscitato molti commenti sui blog e su Punto Informatico. Ho avuto la sfortuna di vedere ieri sera in TV una breve intervista al Colonnello Rapetto, ben noto supercapo del Gruppo Anticrimine Tecnologico della Guardia di Finanza (uno che ha scritto 40 libri, che ama farsi chiamare sceriffo e fotografare in maglietta nera e occhiali a specchio su moto di grossa cilindrata). Cosi’ per la affermazione di Visca “Noi guardiamo il mondo attraverso internet ma il mondo guarda noi attraverso internet” essendo il conduttore radiofonico un giornalista, si sta (con qualche ragione) scatenando su di lui un po’ di furore antigiornalistico (magari da dividere con i media che in questi giorni hanno amplificato questa notizia). Se Rapetto dall’alto dei suoi 40 libri sproloquia in TV di antivirus, firewall e troiani senza mai affrontare il punto centrale (ed il punto centrale e’ : c’era o no un trojan sul computer di Visca?) e’ per una sola banalissima ragione sulla quale sono disposto a scommettere. Sul computer non c’era alcunche’ e tutta sta storia e’ fuffa. Fuffa col bollino, pero’.

8 commenti a “”

  1. Activemax dice:

    La seconda che hai detto… :-)

  2. Antani dice:

    Mi mancava un dettaglio: Visca è quello di "Fabio e Fiamma", la ragione per la quale mi affanno a cambiare canale in fretta, la mattina, dopo il GR…

  3. fabiux dice:

    La trasmissione di F&F probabilmente è in calo di ascolti. Hanno tirato fuori dal cilindro questa bella trovata da avanspettacolo e il TG2 l'ha infarcita bene di idiozie da bar sport. Che ci dice, il colonnello Rapetto?

    =;^)

  4. Bostik dice:

    Scusa, ma la notizia non era dell'Unità ?

  5. simona dice:

    sono d'accordo con fabiux. personalmente ho smesso di seguire la trasmissione dalla noia.

  6. mr_setter dice:

    http://www.radio.rai.it/radio2/fabio_fiamma/forum_show_msg.cfm#

    neanche sul loro sito di rai due ci cascano….

    poveri noi in che tempi viviamo!

    sono anni bui non che dire…

  7. Gabriele dice:

    Dando per scontato che la storia sia vera, la cosa curiosa della vicenda, più che curiosa dovrei dire grottesca e sconcertante, è che seguendo la trasmissione "primo piano" mi sono reso conto che il giornalista, nonostante avesse sollevato un "caso" e fosse "seriamente preoccupato per la sua incolumità " non aveva ancora capito cosa diavolo fosse successo al suo computer.

    La parola "trojan" lo lasciava basito.

    Come si fa a scrivere un articolo su una vicenda senza essersi informati su cosa sia effettivamente accaduto?

    mah.

    Un plauso comunque a "primo piano", apparte lo sceriffo finanziere infatti, il servizio con i giovani "hacker" che spiegavano come funziona un trojan era molto efficace, il linguaggio semplice e diretto, perfettamente comprensibile anche da un pubblico di analfabeti informatici, tipo la mia cara mamma.

  8. Antani dice:

    In effetti Mannoni non ha lavorato così male (Rapetto a parte…). Credo che il bollino "Fuffa" non faccia un gran bel vedere vicino alle mostrine.

    Con tutto il rispetto possibile per Simona e per il suo post: una trasmissione del genere non si inizia nemmeno ad ascoltare, altro che smettere. Ops, scusate, Visca ha il bollino…