07
Ago

Gli HACKER ITALIANI e i FUSI ORARI.

Secondo la ricostruzione di Wired – che non perde occasione per ironizzare sulla insipienza degli organismi di controllo del traffico Internet dell’FBI – quella annunciata un paio di giorni fa con tanto di alert sulle pagine web del NIPC, e’ stata a tutti gli effetti una self-created crisis. L’allarme del NIPC sarebbe infatti stato causato dal fatto che qualche teeneger italiano avrebbe pensato a voce alta dentro qualche chat o su qualche canale IRC, proponendo una “rappresaglia” per gli arresti di 14 hacker (cracker?) effettuati la settimana scorsa dalla polizia italiana. E chi del resto, se nn qualche ragazzino sprovveduto con scarse cognizioni dei fusi orari scatenerebbe un cyber attack contro siti web della East Cost alle due di notte?

Commenti disabilitati

Commenti chiusi.