28
Giu

DEEP LINKING? NO, POOR LINKING

Ecco una ulteriore riprova del fatto che i blog sono (sarebbero) una manifestazione dello spirito originario della rete Internet: quello della condivisione e della diffusione della informazione. Si tratta pero’ di un esempio al contrario, di come possano fare di tutto per non esserlo. Fra i miei bookmark recenti c’e’ un weblog italiano molto professionale e ben fatto. Sto parlando di Tel&co , blog informativo sul wireless gestito dalla societa’ Totem di Franco Carlini. Ora Franco mi perdonera’ ma a parte i link ad articoli della stampa straniera in genere regolarmente reperibili online che senso puo’ avere citare articoli italiani (e sollecitare partecipazione e commenti) che i visitatori del blog non possono leggere? Nel numero di oggi per fare un esempio Tel&co cita 3 pezzi italiani: l’articolo di Maggi su l’Espresso di cui parlavo poco fa (non disponibile online sul sito de L’Espresso ma solo su carta in edicola) e due link a due articoli di Puntocom consultabili online solo su abbonamento. E allora? Di cosa vogliamo/possiamo discutere?

Commenti disabilitati

Commenti chiusi.