09
Giu

Oggi leggevo su Pioggia Acida una bellissima intervista a Tommaso Labranca in occasione dell’uscita del suo ultimo libro “Neoproletariato” per l’editore Castelvecchi. Attacco qui’ sotto un passaggio molto interessante:

Sul sito definisci te stesso e Castelvecchi due sfigati. Nel mucchio mi ci metto pure io. Per leggere neoproletariato bisogna per forza essere un po’ sfigati o si rischia di non comprenderlo a pieno?

Bisogna necessariamente essere un po’ sfigati. Per questo il libro venderà  pochissimo e non lo leggeranno sul tram come invece leggono i romanzi al limite della fiction. Bisogna essere sfigati come lo sono io per perdere il proprio tempo osservando i fighi o quelli che tali si credono. Bisogna essere forse ancora più sfigati per pubblicare queste osservazioni. Pensa quanto deve essere sfigato uno che si dedica addirittura alla lettura di queste osservazioni.

Commenti disabilitati

Commenti chiusi.